Backlink: aumentare pagerank e traffico del sito web

Backlink: aumentare pagerank e traffico del sito web

Spesso accade che il sito web ottimizzato (come descritto nell’articolo Guida completa all’ottimizzazione del sito web per i motori di ricerca) abbia contenuti interessanti e ben costruiti, ma nonostante ciò a volte è difficile farlo emergere e acquisire popolarità. Per tale motivo si rende necessario aumentare la link popularity, cioè la popolarità che un sito web acquisisce mediante i link esterni, detti backlink, che puntano al nostro sito.

L’idea della link popularity è nata dall’osservazione dei più prestigiosi testi accademici, che sono considerati tali, non per il numero di copie vendute, bensì per il numero di volte che questi testi sono citati in altre opere. Per tale motivo i fondatori di Google hanno deciso di applicare questo concetto anche al web in quanto, se il sito è consigliato (e quindi linkato) da molti, allora esso avrà un contenuto interessante da divulgare velocemente anche ad altri utenti.

Bisogna pensare che nel momento in cui un webmaster inserisce un link verso l’esterno ha anche un tornaconto personale, in quanto aumentano le visite al sito stesso. Quindi i webmaster hanno anche un interesse personale all’inserimento di link di qualità.

Per aumentare la link popularity è necessario far sì che il sito attragga in modo naturale il maggior numero di link da parte di altri siti (si tratta dei cosiddetti “link spontanei“). In pratica occorre comportarsi come se i motori di ricerca non esistessero e i link fossero l’unica modo per passare da un sito all’altro. Uno dei problemi che sorge nel momento in cui si cerca di applicare questa strategia è la notevole concorrenza che nasce tra siti. Infatti i link naturali nascono spesso tra siti web che trattano lo stesso argomento, ma che spesso sono concorrenti tra loro. In genere la soluzione adottata è quindi quella di collegare siti che parlano dello stesso argomento ma sottopunti di vista diversi (per esempio un sito che tratta di golf può avere un link verso il sito web di un negozio che vende palline e mazze da golf).

Viene sconsigliato l’uso dei link a pagamento per evitare network di link artificiali che vanno a violare le linee guida di Google, provocando effetti negativi sul posizionamento del sito nei risultati di ricerca. Inoltre in genere chi vende link non mette a disposizione siti web ottimizzati, in quanto i venditori di link hanno obbiettivi diversi da coloro che vogliono migliorare il posizionamento del sito. In secondo luogo anche il prezzo dei link a pagamento non è stabilito da un mercato aperto e libero e quindi spesso non è corretto. (Google offre comunque la possibilità di usare link a pagamento purché venga utilizzato l’attributo “nofollow”. In tale modo gli spider non sono ingannati e i link a pagamento vengono usati con scopo puramente pubblicitario.).

Backlink: aumentare pagerank e traffico del sito web

BACKLINK

Per avere backlink di qualità, che contribuiscano al miglioramento del posizionamento del sito web, occorre che essi abbiano alcune caratteristiche:

  • fondamentale è che il link provenga da pagine di siti web che trattano lo stesso argomento o un argomento simile. Inoltre il link può provenire sia dalla Home page del sito, ma anche da una pagina interna;
  • il back link dovrebbe provenire da una pagina che ha un pagerank uguale o superiore alla pagina . Infatti se il link proviene da una pagina che ha alta visibilità questa favorirà il posizionamento, invece sono da evitare i link da spam che possono produrre penalizzazioni;
  • è preferibile avere pochi backlink di qualità invece che molti, ma di scarsa qualità, questo perché un buon collegamento può fare migliorare il posizionamento del sito più di una moltitudine di link di bassa qualità;
  • la pagina che contiene il backlink non deve avere troppi link in uscita. Questo si rende necessario perché la pagina contenente il backlink, ripartisce la sua popolarità tra tutti i link che contiene. In pratica più link possiede, minore sarà l’importanza del backlink che punta alla pagina del sito ottimizzato;
  • nel backlink non dovrebbe mai essere impostato l’attributo “rel=nofollow”, perché altrimenti il link non viene considerato dagli spider;
  • sia il testo di ancoraggio del backlink che l’URL a cui punta il link dovrebbero contenere una o più parole chiave. Inoltre il backlink dovrebbe puntare direttamente alla pagina web che tratta l’argomento, senza reindirizzameti;
  • il testo di ancoraggio del backlink oltre a contenere una o più parole chiave, non avere sempre lo stesso testo, in quanto i motori hanno imparato a riconoscere le parole simili (come i sinonimi). Inoltre si deve evitare di inserire un testo di ancoraggio del tipo “clicca qui per…”;
  • la posizione ideale per l’inserimento di un backlink è nella parte superiore del corpo della pagina, perché Google dà priorità ai link in alto nella pagina. Molto probabilmente i link nel piè di pagina o nella sidebar non saranno molto efficaci.

Per analizzare i backlink e attribuire loro le caratteristiche sopra indicate occorre individuare tutti i link che partono da altri siti e conducono al sito in fase di ottimizzazione. Per effettuare questa ricerca è possibile usare l’operatore “link, messo a disposizione da Google, seguito dall’URL della pagina e automaticamente il motore di ricerca restituirà tutti i siti che contengono un backlink verso il nostro sito.

Un altro modo di procedere per analizzare i backlink è quello di utilizzare tools gratuiti detti “backlink cheker” forniti in rete. Tra gli strumenti più completi è possibile utilizzare Analize Bancklinks attraverso il quale, mediante l’inserimento dell’URL della pagina, è possibile individuare l’insieme dei backlink che puntano ad un sito.

Lo strumento indica per ogni backlink il testo dell’ancora e il numero complessivo dei link presenti all’interno della pagina specificando quanti di essi puntano a siti web esterni. Inoltre viene riportato anche l’URL e il titolo della pagina che contiene il backlink.

PAGERANK e BACKLINK

Il PageRank, come si può dismostrare attraverso una formula matematica, è strettamente legato al fattore backlink, in quanto una pagina può attribuire un valore di PR molto diverso alla pagina che linka, a seconda del numero di link esterni che presenta, del valore di PR che possiede, del testo contenuto nel link e del successo della pagina stessa. In pratica, attraverso il PR, Google riesce a capire se una volta arrivato su una pagina tramite un link, il visitatore ha trovato veramente quello che voleva o è annoiato e se ne va via.

Il PageRank dà la possibilità di avere un controllo immediato della popolarità del sito, ma essendo un algoritmo distinto da quello del posizionamento non incide molto nelle SERP. Sicuramente il PR resta un fattore importante come indicatore della quantità e della qualità dei link, ma spesso viene sopravvalutato dai SEO. In pratica è sempre bene avere un alto PageRank, ma questo non è tra i fattori che incidono molto sul miglioramento del posizionamento del sito.

Lascia un commento

*