Il CMS (Content Management System) e la gestione dei contenuti

Il CMS (Content Management System) e la gestione dei contenuti

Nell’odierno panorama del WWW una campagna di Web Marketing performante non può prescindere da una corretta gestione dei contenuti. Un sistema molto impiegato in riferimento al management e l’aggiornamento delle informazioni del proprio sito aziendale è il CMS. La sigla CMS abbrevia la definizione di Content Management System, e prende in considerazione qualsiasi forma di contenuto: unità di informazione, testo, grafica, immagini, suoni, documenti, ed  in generale qualsiasi dato fornito in formato digitale, o adatto ad essere trasferito per mezzo di un supporto informatico.

E’ molto importante distinguere la definizione di contenuto dalla definizione di dato, infatti il primo può essere un insieme di dati, capace di costruire una comunicazione completa ed interessante per l’utente, mentre il secondo indica solamente una cifra o un particolare di rilievo. A tal proposito è possibile analizzare il seguente esempio: il titolo di un articolo viene considerato come un singolo dato nella struttura tecnica della maggior parte dei database; mentre il contenuto risulta costituito, oltre che dal titolo, dal testo, dalla data di pubblicazione, dall’autore, e così via. Ne consegue, quindi, che il concetto di contenuto non può dipendere da un’interpretazione soggettiva, ovvero dalla considerazione delle esigenze e caratteristiche proprie dell’utenza che usufruirà di queste specifiche informazioni.

La gestione dei contenuti, principio che sta alla base di ogni CMS, comprende una serie di procedure riconducibili alle modalità di visualizzazione, di inserimento, di eliminazione e catalogazione di informazioni, tutto in funzione di regole prestabilite.

Riassumendo, quindi, un CMS rappresenta un insieme organizzato di strumenti rivolto a semplificare e controllare il management dei contenuti, in modo pratico e corretto. Una delle caratteristiche più importanti dei CMS è la trasparenza d’impiego per l’utente, che non percepisce direttamente la presenza di un sottosistema tecnico (database, programmazione, etc.), ma fruisce in maniera facilitata del supporto fornito da tale meccanismo.

Il termine System non fa altro che andare a sottolineare il fatto che tutta la gestione delle informazioni sia centralizzata con la conseguente disponibilità immediata e sincronizzata da qualsiasi punto di accesso.

CMS e WCMS (Web Content Management System)

Il CMS (Content Management System) e la gestione dei contenuti

La modalità pratica più diffusa del concetto di CMS è quella del WCMS (Web Content Management System), spesso denotata sempre e solo con lo stesso nome CMS. Questa categoria di CMS rappresentano una piattaforma di gestione completamente on-line. Questa declinazione consente, più nel dettaglio, di creare ed organizzare documenti di vario genere da qualsiasi computer connesso alla Rete. In questo caso i contenuti vengono resi prontamente disponibili agli utenti, senza la necessità di sviluppare ulteriori passaggi di natura tecnica. Esempi più importanti di CMS di questa categoria sono: WordPress, Joomla, Drupal e ancora molti altri.

Grazie a queste opportunità si verifica il passaggio da siti statici, prettamente presentativi, a portali dinamici, in continua evoluzione ed in grado di offrire al visitatore un elevato livello di interazione. Nella figura seguente viene riprodotto lo schema di funzionamento relativo alla pubblicazione di contenuti all’interno di WCMS; è possibile notare come l’elemento più interessante sia rappresentato dalla netta separazione tra redazione ed amministrazione del portale informativo.

Gli utenti del sistema, quindi, vengono suddivisi in gruppi, ognuno dei quali possiede specifiche autorizzazioni di accesso e diversi dettagli di implementazione. Quindi è possibile definire alcune categorie di riferimento:

  • Pubblico: questa classificazione viene applicata nel momento in cui l’accesso viene effettuato senza credenziali utente; generalmente a questo livello viene consentita la sola visualizzazione dei contenuti con l’esclusione di qualsiasi opportunità di interazione;
  • Utenti registrati: in questa classe ogni utente possiede il proprio codice identificativo, e viene offerta l’occasione di rilasciare dei commenti personali, mentre le limitazioni riguardano solamente alcune aree riservate del sito;
  • Autori: tali utenti hanno la possibilità di inserire, pubblicare, modificare in maniera autonoma i contenuti immessi nel CMS;
  • Amministratori: essi sono abilitati sia alla gestione dei contenuti, che alla configurazione del sistema in tutte le sue funzioni; tra le attività principali di un amministratore rientrano: la gestione degli utenti e la definizione dei livelli di accesso.

Un altro aspetto molto importante da considerare è il fatto che la stragrande maggioranza dei sistemi  CMS vengono distribuiti  gratuitamente,  tramite  una  licenza  open  source,  che rende disponibile anche il codice sorgente.

Infine, è possibile concludere questa parentesi relativa ai CMS, affermando che le potenzialità e la semplicità di fruizione rendono questi strumenti delle risorse in continua espansione ed evoluzione, in grado di organizzare e coordinare in modo efficiente la strategia di Web Marketing di qualsiasi tipologia di azienda.

 

Precedente Cos'è un Blog in Internet? Chi sono i Blogger? Successivo Analisi SEO sito web: Web Analytics e Google Analytics

Lascia un commento

*