Cosa sono i Motori di Ricerca e come funzionano

Cosa sono i Motori di Ricerca e come funzionano

Cosa sono i Motori di Ricerca e come funzionano

I search engine o meglio conosciuti con il nome di motori di ricerca sono la risorsa più conosciuta e sfruttata sul web, fondamentale  per riuscire ad orientarsi tra una quantità enorme di informazioni e contenuti. Questi strumenti permettono agli utenti che navigano in Internet di effettuare la ricerca di alcune parole all’interno di una quantità enorme di siti web; in seguito ad una query (una query rappresenta un’interrogazione ad un motore di ricerca che ha inizio con l’inserimento di una keyword nella barra di ricerca), i motori di ricerca forniscono all’utente una lista di siti web che contengono le parole ricercate.

Grazie all’enorme traffico generato, i motori di ricerca più popolari e utilizzati traggono sostentamento dalla vendita di pubblicità in molteplici forme. In tal senso ci troviamo di fronte ad un circolo virtuoso in rete che coinvolge gli utenti e le aziende: ” […] mentre lo scopo principale di un utente finale è la ricerca, per  le aziende è fondamentale soprattutto la reperibilità e, mentre entrambi i suddetti target dei motori colgono ciascuno il proprio obiettivo senza sostenere dei costi, la reperibilità si trasforma nel bene di maggiore valore e consente di piazzare annunci pubblicitari o promozioni mirate “.

Una caratteristica importante da tenere in considerazione quando si parla di  motori di ricerca è la differenza tra questi ultimi e le directory, ovvero raccolte di indirizzi web catalogati in base alla tipologia dei contenuti e selezionati espressamente da personale umano. In sintesi, i webmaster e i proprietari di siti web fanno richiesta per venire catalogati e le directory accettano nel proprio archivio solo i siti web che raggiungono un certo standard qualitativo. Viceversa, i motori di ricerca analizzano in continuazione l’intero World Wide Web (WWW), includendo all’interno del proprio archivio tutti i siti che vengono individuati, indipendentemente dalla qualità dei contenuti.

Da quanto esposto è possibile fare due considerazioni: la prima è che i motori di ricerca possono indicizzare un numero di siti web nettamente superiore rispetto alle directory web; la seconda riguarda la qualità dei siti indicizzati, che nei motori di ricerca può essere spesso bassa, rispetto alle directory che tendono invece ad inserire tra i propri cataloghi soltanto siti di elevata qualità e con molti contenuti. Per rimediare a questo problema e nello stesso tempo riuscire a suggerire agli utenti i siti con le migliori informazioni e i migliori contenuti, i search engine adottano delle particolari tecniche che permettono di assegnare ad ogni sito un determinato valore per indicarne il livello qualitativo. Così facendo il motore di ricerca è in grado di offrire all’utente una lista di siti ordinata in base alla loro qualità, partendo da quello che presenta il valore più alto e quindi la migliore qualità. Oggi esistono tantissimi motori di ricerca, di cui il più noto per il numero di siti contenuti nel proprio indice, il numero di utenti e la qualità dei contenuti è Google. Gli altri motori di ricerca più usati in Italia sono: Libero, Virgilio, MSN, Yahoo, Tiscali. Nella tabella seguente sono contenute le ultime stime disponibili (fino all’anno 2011) relative alla copertura del mercato search in Italia, risulta evidente l’assoluta predominanza di Google nelle ricerche online effettuate in Italia.

Motore 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011
Google 45% 59% 67,8% 71,2% 86% 91% 92% 92%
Virgilio 53,5% 23,3% 16,2% 18,1% 5% 4% 3% 3%
MSN-Bing 42,2% 25,1% 21,5% 17,9% 1% 1% 1% 3%
Yahoo 23,9% 11,1% 12,5% 11,4% 4% 3% 3% 1%
Facebook 1%
Libero 52% 16,8% 17% 13,2% 3%
Altavista n.d 6% 5,4% 3,2%
Tiscali 27,5% 3,5% 2,8% 1,6%
Tuttogratis 3,4% 2,3% 1,6%
Precedente I principali strumenti pubblicitari online Successivo Come indicizzare un sito web o un blog nei motori di ricerca

Lascia un commento

*