Definizione di dispositivo mobile: smartphone e tablet

Definizione di dispositivo mobile: smartphone e tablet

Definizione di dispositivo mobile - smartphone e tablet

In informatica ed elettronica con il termine dispositivi mobile (in inglese mobile device ) si intendono tutti quei dispositivi elettronici che sono pienamente utilizzabili seguendo la mobilità dell’utente, quali cellulari, palmari, smartphone, tablet, notebook, lettori MP3, ricevitori GPS, ecc.
Possono essere dunque dispositivi dedicati, ossia dispositivi che possono essere utilizzati da un solo processo alla volta, oppure general purpose, ossia dispositivi che non sono dedicati ad un solo possibile utilizzo, ma dispositivi versatili che di solito caricano componenti software che sono invece soluzioni specifiche a una particolare esigenza.
In ogni caso essi sono di dimensione e peso ridotti, tali da poter essere trasportati dall’utente.
Uno smartphone è un telefono che combina la funzione di telefonino a quella della gestione dei dati personali, infatti proprio il nome smartphone tradotto in italiano è telefono intelligente.
Può derivare dall’evoluzione di un PDA a cui si aggiungono funzioni (non sempre tutte) di telefono (per questo detti anche PDA-Phones) o viceversa, di un telefono mobile a cui si aggiungono funzioni di PDA.

La caratteristica più interessante degli smartphone è la possibilità di installarvi ulteriori applicazioni (App), che aggiungono nuove funzionalità.
Questi programmi possono essere sviluppati dal produttore dello smartphone, dallo stesso utilizzatore o da terze parti, rilasciate poi in genere in forma gratuita o a pagamento sul mercato.

I tablet invece,sono essenzialmente dei computer con touchscreen che si collocano a metà strada tra un laptop e uno smartphone.
Sebbene abbiano le sembianze di un portatile privo di tastiera, in realtà condividono più caratteristiche con gli smartphone. La facciata superiore del dispositivo è quasi interamente occupata da un display LCD con interfaccia touch: questo ha permesso di ridurre peso e dimensioni della parte hardware, eliminando mouse e tastiera: l’utente può impartire comandi al sistema in modo semplice ed intuitivo, semplicemente toccando con le proprie dita le icone desiderate (é però possibile utilizzare una “vera” tastiera attraverso l’interfaccia Bluetooth).
Le caratteristiche sopra descritte fanno somigliare il computer, nell’aspetto, ad una tavoletta (da cui il nome).

Altro punto a favore di questi dispositivi é la connettività: molti modelli sono dotati di una o più interfacce di rete wireless integrate nella scheda madre (Wi-Fi, Bluetooth, GPRS,EDGE, UMTS ecc).
Per quanto riguarda la memorizzazione dei dati, questi computer sono generalmente sprovvisti di hard disk e si affidano, invece, a banchi di memoria Flash integrati, generalmente più lenti, ma con un minore impatto sui consumi di corrente elettrica.
Talvolta é anche disponibile uno slot in grado di ospitare una memoria di massa aggiuntiva (solitamente una Flash Memory di formato MicroSD).

Grazie ai progressi tecnologici compiuti nella costruzione di batterie sempre più CPU), questi dispositivi offrono anche discrete prestazioni operative a fronte di un’autonomia molto più lunga rispetto ai tradizionali laptop.

 

Precedente Ingegneria del software: La qualità del software Successivo Definizione di testing software o collaudo del software

Lascia un commento

*