Definizione di Problem Solving e apprendimento automatico

Definizione di Problem Solving e apprendimento automatico

Problem solving

Con questo termine si prendono in considerazione l’insieme dei processi atti ad analizzare, affrontare e risolvere positivamente situazioni problematiche. Gli agenti per il problem solving, partendo da una condizione data, identificano idonee sequenze di azioni per raggiungere gli stati desiderati. Quando non può essere utilizzata una ricerca della soluzione ottimale, perchè la complessità del problema risulterebbe impraticabile in termini di tempo e capacità di elaborazione, si utilizzano algoritmi euristici: tecniche basate sull’esperienza che portano più rapidamente ad una soluzione, tuttavia non ottima per il problema in questione.

Definizione di Problem Solving e apprendimento automatico
Definizione di Problem Solving e apprendimento automatico

Apprendimento automatico

L’apprendimento, noto in letteratura come machine learning, riguarda la capacità di un agente di osservare i risultati dei processi delle sue stesse interazioni con l’ambiente, per modificare il suo comportamento ed estrarre nuova conoscenza. Si possono distinguere vari tipi di apprendimento: simbolico, per esempio tecniche che utilizzano alberi di decisione a partire da esempi, connessionista o subsimbolico, riguardante l’addestramento di reti neurali e, infine, statistico, basato su tecniche di tipo statistico. Tra i paradigmi di apprendimento più noti possiamo citare quelli che richiedono l’aiuto di un insegnante umano, apprendimento supervisionato, e quelli che possono funzionare autonomamente, apprendimento non supervisionato e apprendimento per rinforzo. Il data mining è un concetto correlato all’apprendimento automatico, esso introduce tecniche e metodologie con le quali è possibile estrapolare un sapere o una conoscenza da grandi quantità di dati. Tale tecnica ha come obiettivo quello di identificare pattern e regolarità, che ci consentano poi di ipotizzare e verificare nuove relazioni di tipo causale fra i fenomeni del sistema, o di formulare previsioni di tipo statistico su nuovi dati.

La Robotica

I robot possono essere considerati agenti fisici artificiali che svolgono funzioni ed eseguono compiti manipolando oggetti del mondo fisico. Per poter agire sul mondo necessitano di sensori, per acquisire informazioni, e attuatori per manipolarlo.
La robotica, data la sua natura interdisciplinare, trova applicazioni nei contesti più disparati. Si possono trovare esempi nell’uso domestico, come l’aspirapolvere robotizzata Roomba, negli ambiti medicali e biomedicali, arti e protesi artificiali, e perfino per uso industriale, come le macchine automatiche per la produzione. I robot vengono utilizzati in ambienti proibitivi per l’uomo (esplorazione dello spazio e dei fondali oceanici) e in situazioni di estremo pericolo (come per la difesa militare). Rivestono un ruolo molto importante gli assistenti utilizzati dai chirurghi per eseguire delicate operazioni di microchirurgia sui pazienti.

Precedente Caratteristiche dell'Intelligenza artificiale debole e forte Successivo Di cosa si occupa la Visione Artificiale (Computer Vision)?

Lascia un commento

*