Definizione di Risk Management e i suoi obiettivi

Definizione di Risk Management e i suoi obiettivi

Quando si fa riferimento al Risk Management si pensa che questa sia una tematica applicabile solo per le grandi aziende. In realtà, il Risk Management è con noi ogni giorno; infatti, già dal mattino, siamo costantemente tenuti a prendere delle decisioni che ci potrebbero esporre a degli eventuali rischi.
La gestione del rischio è un tema molto caldo sia per le grandi imprese, che hanno dei team appositi, sia per le piccole imprese, che, invece, praticano la gestione del rischio in modo informale.
In particolare, la gestione del rischio, o Risk Management, è quel processo atto a misurare e stimare il rischio e, di conseguenza, sviluppare delle strategie per governarlo. Vediamo, ora, di definire il Risk Management e il rischio usando, tra le tante esistenti, le definizioni della UNI/ISO 11230:2007 Gestione del Rischio Vocabolario:

“Il Risk Management, o processo di gestione del rischio, è l’insieme di attività, metodologie e risorse coordinate per guidare e tenere sotto controllo un’organizzazione con riferimento ai rischi”.
Il rischio può essere definito come:

“l’insieme delle possibilità di un evento e delle sue conseguenze sugli obiettivi”.

La parola “rischio”, quindi, appare più o meno sovrapponibile alla coppia rischio/opportunità, poichè bisognerebbe precisare che l’effetto può essere sia positivo che negativo, anche se nelle applicazioni pratiche si considerano soprattutto gli effetti indesiderati. In generale, il valore del rischio reale risulta differente sia dal rischio ipotetico, ottenuto da stime tecnico-scientifiche, sia dal rischio apparente, che è soggettivo, poichè dipende dalla percezione umana del rischio.

Definizione di Risk Management e i suoi obiettivi

Obiettivi del Risk Management

La funzione del Risk Management è quella di proteggere e incrementare il valore di un’azienda a vantaggio dei suoi stakeholder, sostenendone gli obiettivi attraverso la predisposizione di un quadro metodologico. Quest’ultimo consente uno svolgimento coerente e controllato di ogni futura attività, il miglioramento del processo decisionale, la pianificazione e la creazione di priorità attraverso uno studio esauriente dell’attività stessa.
Il Risk Management contribuisce, inoltre, ad un utilizzo e ad un’allocazione più efficace del capitale e delle risorse all’interno dell’organizzazione, alla protezione del patrimonio, dell’immagine aziendale, del know how (conoscenze e abilità operative necessarie per svolgere una determinata attività lavorativa) dell’organizzazione e dei “key people”, nonchè all’ottimizzazione dell’efficienza operativa.
Il Risk Management è un processo continuo, graduale e proattivo, che coinvolge la corporate strategy e che deve essere integrato nella cultura dell’organizzazione attraverso una politica mirata da parte dei suoi massimi dirigenti, i quali assegnano responsabilità specifiche e ruoli appropriati all’interno dell’azienda.
Un approccio globale al Risk Management consente ad un’azienda di considerare il potenziale impatto delle diverse tipologie di rischio sui processi aziendali, sulle attività, sugli operatori, sui prodotti e sui servizi.

Precedente Definizione e caratteristiche della Bash Shell dei sistemi Unix Successivo Gli standard del Risk Management (Gestione del rischio) e i suoi vantaggi

Lascia un commento

*