Ingegneria dei Requisiti e la qualità del software

Ingegneria dei Requisiti e la qualità del software

Per qualità di un prodotto software o semplicemente qualità software si intende la sua aderenza ai requisiti per esso richiesti, tale da apportare un buon livello di soddisfazione in coloro che ne usuifruiranno.
Naturalmente, questa definizione si mantiene valida per il prodotto software, per il quale è fondamentale importanza determinarne il corretto funzionamento e l’ utilizzo adeguato da parte degli utenti.

Per poter stimare la qualità del software è necessario effettuare un insieme di valutazioni e, per fare ciò, occorrerà definire delle caratteristiche e metriche che consentano di calcolare in maniera quanto più possibile oggettiva e precisa il suo livello di qualità.

Ingegneria dei Requisiti e la qualità del software

Cerchiamo dunque di comprendere meglio cosa si intende per misurazione e dove si colloca questo concetto nell’ambito della discussione a venire.

La misurazione è il processo di assegnazione oggettiva di un numero (o simbolo) ad una entità del mondo reale, descrivendole secondo regole defintite, al fine di caratterizzarne uno specifico attributo.
Per effettuare una misurazione è necessario aver compreso con chiarezza quali siano gli attributi da misurare e quali entità posseggano tali attributi. Si parla, in tal caso, di comprensione empirica. Queste definizioni si adattano al contesto in esame in considerazione del fatto che ogni caratteristica rilevante del prodotto sarà misurata applicando metriche adeguate e verrà valutata secondo intervalli di accettabilità e valori di soglia stabiliti.
In effetti, i criteri secondo i quali viene stimata la qualità del software sono di facile comprensione.

Di seguito si riporta una lista delle principali caratteristiche che rendono un software di qualità:

  1. l’adeguatezza delle funzionalità alle necessità degli utenti;
  2. la facilità con cui il prodotto può essere installato e personalizzato in ambienti e piattaforme differenti;
  3. le prestazioni fornite sia in termini di tempi di risposta che di utilizzo delle risorse;
  4. l’affidabilità;
  5. la capacità di evolvere nel tempo, così da facilitare le operazioni di manutenzione del prodotto;
  6. il livello di sicurezza garantito rispetto agli accessi non autorizzati;
  7. la sicurezza dei dati, sicurezza fisica delle persone e dei beni.
Precedente Ingegneria dei Requisiti: Come scrivere correttamente i requisiti Successivo Cosa è il rischio in un progetto software?

Lascia un commento

*