Le figure professionali nelle grandi aziende ICT

Le figure professionali nelle grandi aziende ICT

Le grandi imprese o grandi aziende di informatica sono molto diverse dalle piccole e medie: esse sono organizzate in settori che rispecchiano i vari campi di provenienza dei potenziali clienti, come ad esempio Pubblica Amministrazione e Sanità, Banche, Finanza e Assicurazioni, Telecomunicazioni e Media. Ogni settore è composto da specialisti IT con un’elevata esperienza e conoscenza delle attività tipiche e dei processi di lavoro delle aziende clienti.

Le imprese medio-piccole non hanno una ‘settorializzazione’ collegata al cliente, ma sono costruite su modelli più semplici ed economici. Il professionista che lavora in questo tipo di aziende, adatta le proprie conoscenze e competenze all’utenza del momento, cercando di comprendere i bisogni del cliente e di determinare la migliore strategia di lavoro. Queste società agiscono sul mercato attraverso una struttura gerarchica che prevede: una direzione, una direzione IT, un reparto commerciale e tre reparti tecnici (Sistemistica, Reti, Programmazione).

La Direzione IT gestisce e coordina i tre reparti tecnici, delineando le politiche d’attuazione delle linee strategiche tracciate dalla Direzione.
Il reparto commerciale promuove la società sul mercato, procaccia i clienti e provvede alla quantificazione economica dei progetti. I tre reparti tecnici coprono le aree più rilevanti dell’informatica e si occupano della progettazione tecnica e della realizzazione dei prodotti e/o servizi, sono organizzati gerarchicamente e collaborano tra di loro attraverso briefing periodici. Ogni progetto informatico è gestito ‘in gruppi di lavoro, dove le competenze personali sono ben definite ed integrate’.

Le figure professionali nelle grandi aziende ICT

Chi sono i professionisti dell’IT?

La figura del professionista in questo settore è cambiata: da esperto informatico generico a esperto di tecnologie e soluzioni IT applicate ad un campo specifico. In generale ‘il professionista IT è colui che progetta, sviluppa, mette in funzione, mantiene in efficienza, revisiona, aggiorna e migliora ogni tipo di sistema IT, fornendo supporto e assistenza all’utente L’ISCO (International Occupational Classification System) suddivide tutte le figura professionali legate all’informatica in due categorie:

  1. Computing Professionals che si occupano prevalentemente di ricerca, progettazione, sviluppo e aggiornamento dei sistemi informatici
  2. Computer Associate Professionals che forniscono assistenza e supporto, software e hardware, agli utenti.

La prima categoria si riferisce a tutte quelle professioni che tradizionalmente operano in un’impresa IT e che lavorano per realizzare un prodotto informatico e/o per fornire un servizio nel ramo. La seconda raccoglie invece tutti gli addetti con funzioni IT delle imprese che utilizzano sistemi informatici e tutti quelli che operano nell’area ‘Manutenzione e Assistenza’.

Un professionista IT, indipendentemente dalla categoria e dall’area di appartenenza, deve possedere: skill tecnici e ‘di valore’, una visione user-oriented una conoscenza ampia dell’IT.
Gli skill ‘di valore’ sono delle capacità non tecniche che permettono di: stabilire una relazione efficace con il cliente gestire con efficienza più progetti lavorare in team apprendere durante tutta la carriera, e così via. Una visione ‘user-oriented’ è l’abilità nel progettare e sviluppare, tenendo sempre presenti i bisogni e le capacità dell’utente finale.

Precedente Paradigma REST (REpresentational State Transfer) e differenze con il RESTful Successivo Professione Informatica: La figura dell'Analista programmatore

Lascia un commento

*