Le principali caratteristiche dell’Accessibilità di un sito web

Le principali caratteristiche dell’Accessibilità di un sito web

L’accessibilità (in inglese accessibility) è la capacità che ha un sistema di essere utilizzato da qualsiasi utente, compresi i disabili, indipendentemente dal dispositivo utilizzato, dalla velocità della connessione internet, dal browser, dall’interfaccia utente e dalle periferiche alternative (ad esempio tastiera braille). Il concetto di accessibilità è strettamente collegato a quello di usabilità: L’usabilità ha lo scopo di rendere gli utenti più efficienti e soddisfatti, invece l’accessibilità ha lo scopo di aumentare il numero di utenti che possono interagire. Dunque se un’interfaccia è usabile ma non è accessibile significa che certe fasce di utenti non possono accedervi, viceversa se un’interfaccia è accessibile ma non è usabile significa che tutti vi possono accedere, ma alcuni con più difficoltà di altri.

Le principali caratteristiche dell'Accessibilità di un sito web

In Italia la Legge Stanca per l’accessibilità impone agli enti pubblici di fornire servizi che siano accessibili. Questa legge tutela le persone disabili, garantendogli il diritto di accesso ai servizi informatici e telematici della pubblica amministrazione e dei servizi di pubblica utilità, in ottemperanza al principio di uguaglianza ai sensi dell’articolo 3 della Costituzione. Le disabilità a cui gli utenti possono essere soggetti sono di tipo: Sensoriale (ad esempio non vedenti, ipovedenti, sordi), motorie (ad esempio paralisi, spasticità), cognitive (ad esempio afasia, dislessia). Nonostante queste disabilità, questa categoria di utenti può comunque accedere ad internet ed ai dispositivi elettronici, ma ha bisogno di alcuni strumenti in più, le cosiddette periferiche alternative (ad esempio screen reader, tastiera braille, ingranditori, ecc.). Affinché questi dispositivi funzionino al meglio è necessario che le applicazioni software rispettino delle regole precise.

Tra i problemi più comuni di accessibilità vi sono: difficoltà a percepire l’informazione (visiva o uditiva), difficoltà a comprendere il testo, difficoltà ad interagire, limiti del dispositivo o della connessione internet, situazioni in cui i canali percettivi sono già occupati, browser e/o sistemi operativi non compatibili con l’interfaccia.

Accessibilità sito web

Per ovviare a questi problemi, l’accessibilità è definita da un insieme di regole tecniche che fungono da soluzioni alla maggior parte dei problemi sopra elencati. Tra queste regole, le più diffuse sono:

  • Fornire alternative testuali equivalenti per oggetti non testuali;
  • Evitare oggetti e scritte lampeggianti o in movimento (in quanto potrebbero causare fenomeni di epilessia);
  • Uso di sufficiente contrasto tra foreground e background (ovvero contenuto informativo e sfondo);
  • Nomi appropriati per link, frame, tavole ed immagini, per agevolare strumenti come gli screen reader;
  • Utilizzo di appositi fogli di stile (CSS);

 

Precedente Differenza tra UI (User Interface), UX (User experience) e Usabilità (Usability) Successivo Criteri necessari per un buon piano di testing software

Lascia un commento

*