Riciclare correttamente personal computer e componenti informatiche

Riciclare correttamente personal computer e componenti informatiche

Con il decreto Ronchi, entrato in vigore all’inizio dell’anno 1997, si affronta il problema del trattamento di questa categoria di rifiuti, con precisi obblighi a carico delle amministrazioni comunali e dei produttori. In particolare, l’articolo 44 prevede che quando si acquista un pc nuovo, il vecchio venga riconsegnato al venditore oppure alle imprese che gestiscono la raccolt, lo smaltimento e il riciclaggio (aziende che si occupano di riciclare dispositivi).

Inoltre una nuova direttiva UE sui rifiuti pericolosi, la 91/689 Cee, stabilisce l’obbligatorietà della raccolta differenziata con trattamento speciale per: condensatori (contenenti Pcb), interruttori (mercurio), batterie, circuiti stampati, cartucce, toner, plastica, componenti con amianto e display a cristalli liquidi.

Le componenti più semplici da riciclare sono chiaramente la carta usata delle stampanti, grazie alla raccolta differenziata della carta diffusa ormai in tutto il Paese e le cartucce delle stampanti.

Per le cartucce esistono dei negozi specifici (ecostore) adibiti a centri di raccolta per lo smaltimento o la ricarica. In alcuni centri commerciali, ci sono macchinette automatiche che ritirano la cartuccia usata e la rigenerano.

In altre parole, è necessario rispettare l’ambiente e negli ultimi anni l’elettronica e i sottoprodotti del lavoro di ufficio stanno sempre più contribuendo alla produzione di rifiuti solidi, alcuni dei quali contenenti componenti pericolose per l’ambiente. Pertanto è importante riutilizzare tutto ciò che è riciclabile.

Riciclare correttamente personal computer e componenti informatiche
Riciclare correttamente personal computer e componenti informatiche per tutelare l’ambiente

Ricapitolando:

  1. i computer e le periferiche non più funzionanti non devono essere gettati in discarica bensì consegnati presso le piattaforme ecologiche; ditte specializzate separeranno la plastica, il metallo e il vetro degli involucri, e i metalli rari dei circuiti stampati
  2. le cartucce delle stampanti possono essere riutilizzate: alcune aziende hanno un programma di ritiro e riutilizzo delle cartucce usate; inoltre esistono aziende che ritirano gratuitamente le cartucce usate per riutilizzarle
  3. la carta non va sprecata, per esempio stampando fronte/retro; inoltre tutta la carta straccia va raccolta separandola dal resto dei rifiuti in modo che possa essere riciclata per la produzione di altra carta.
Precedente Criteri necessari per rendere una postazione di lavoro ergonomica Successivo Criteri necessari per la gestione delle password in informatica

Lascia un commento

*