Sanità digitale

INTRODUZIONE

La sanità digitaleQuando si parla di salute, è opportuno fare riferimento alla Costituzione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), agenzia dell’ONU istituita nel 1948 con l’obiettivo di operare per far raggiungere a tutte le popolazioni il livello di salute più elevato possibile.
La salute, definita nella Costituzione dell’OMS, come “stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplice assenza di malattia”, viene considerata un diritto e come tale si pone alla base di tutti gli altri diritti fondamentali che spettano alle persone. Questo principio assegna agli Stati e alle loro articolazioni compiti che vanno ben al di là della semplice gestione di un sistema sanitario. Essi dovrebbero farsi carico di individuare e cercare, tramite opportune alleanze, di modificare quei fattori che influiscono negativamente sulla salute collettiva, promuovendo al contempo quelli favorevoli.

In tale contesto, la salute viene considerata più un mezzo che un fine e può essere definita come una risorsa di vita quotidiana che consente alle persone di condurre una vita produttiva a livello individuale, sociale ed economico.

LA SANITÀ

Un sistema sanitario (detto in modo più generico servizio sanitario) o sanità è l’organizzazione di persone, istituzioni e risorse finalizzata a fornire servizi di assistenza sanitaria a tutela della salute della popolazione.
Nel mondo è presente una grande quantità di sistemi sanitari. In alcuni paesi la sanità è completamente liberalizzata e/o privatizzata, in altri dove questa è prerogativa unica dei governi all’interno del cosiddetto Stato sociale, in altri ancora dove concorrono sistemi sanitari di tipo misto ovvero sia pubblico che privato.

Ad ogni modo, la pianificazione dell’assistenza sanitaria è stata descritta spesso come un processo evolutivo piuttosto che rivoluzionario.
Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), gli obiettivi di un sistema sanitario sono la salute, rispondere alle aspettative della popolazione e un costo equo. La valutazione di questi obiettivi dipende da come i sistemi svolgono quattro importanti funzioni: la promozione della salute, la generazione di risorse, il finanziamento e la gestione. Un sistema sanitario può essere inoltre valutato con altri parametri, tra cui la qualità, l’efficienza, l’ammissibilità alle cure e il trattamento equo.

Negli Stati Uniti sono state introdotte, per questo tipo di valutazione, le cosiddette “Cinque C” (the five C’s): Costi, Copertura, Consistenza, Complessità e Cronicità. Fontamentale, inoltre, è la continuità assistenziale ai cittadini, ovvero quando non lavora il proprio medico di famiglia, l’assistenza sanitaria è assicurata dal servizio di Continuità assistenziale (l’ex Guardia medica). Il medico di continuità assistenziale può:

  • effettuare visite domiciliari non differibili,
  • prescrivere farmaci indicati per terapie non differibili, o necessari alla prosecuzione,
  • della terapia la cui interruzione potrebbe aggravare le condizioni della persona,
  • rilasciare certificati di malattia in casi di stretta necessità e per un periodo massimo di tre giorni,
  • proporre il ricovero in ospedale.

http://it.wikipedia.org/wiki/Salute

http://it.wikipedia.org/wiki/Sistema_sanitario

 

LA SANITÀ DIGITALE (HEALTH DIGITAL)

La sanità digitalePer sanità digitale si intende l’applicazione delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT) all’intera gamma di funzioni che investono il settore sanitario cioè costruire le reti o i portali di informazione sanitaria, i sistemi di cartelle cliniche elettroniche, la trasmissione delle prescrizioni o delle impegnative per via elettronica (e-prescrizioni, e-impegnative), i servizi di telemedicina, i sistemi di comunicazione personali portatili e indossabili, i portali salute e molti altri strumenti basati sulle tecnologie della comunicazione e dell’informazione e utilizzati per la prevenzione, la diagnosi, la cura, la sorveglianza sanitaria e remota, i consulti e la gestione dello stile di vita di tutti noi cittadini.

In Europa la sanità elettronica è promossa attraverso il piano d’azione per uno spazio europeo della sanità elettronica. Mentre, in Italia già c’è un progetto che ha permesso la creazione di una rete di servizi per i professionisti sanitari di “primary care” per la condivisione dei dati clinici con la quale si condivide il sistema informativo. Questo progetto ha permesso la costruzione di un modello per l’estensione del collegamento telematico in rete dei medici prescrittori a livello regionale rispettando quanto disciplinato dall’art. 50 della legge 326/2003 che prevede la trasmissione al Ministero dell’Economia dei dati delle ricette del Sistema Sanitario Nazionale, entrato a regime nel 2012, come riportato nel decreto del 2 luglio 2012 del Ministero dell’Economia e delle Finanze, rappresentando un valido strumento di controllo e prevenzione contro i farmacisti che possono falsificare le ricette del Ssn. Dal 1° gennaio 2014, il sistema per la tracciabilità delle confezioni dei farmaci erogate dal SSN basato su fustelle cartacee è integrato, ai fini del rimborso delle quote a carico del SSN, da sistema basato su tecnologie digitali, secondo modalità pubblicate sul sito del sistema informativo del progetto “Tessera sanitaria” e nel rispetto di quanto previsto dal Sistema di tracciabilità del farmaco del Ministero della salute.

Quando tutto questo diventa realtà ?

Per approfondire i temi principali circa la sanità digitale ma anche altri argomenti ingegneristici è possibile rercarsi all’interno della sezione: Le mie pubblicazioni.

Lavecchia Vito