Analisi del software: Cosa sono le specifiche e i requisiti del software

Analisi del software: Cosa sono le specifiche e i requisiti del software

L’analisi del software è il processo che porta alla descrizione precisa delle esigenze dell’utente, dettagliate in un documento di sintesi chiamato specifica. In altre parole, l’analisi si occupa di “cosa” l’applicazione deve fare, piuttosto che del “come”.
L’analisi deve avere come dati di input i requisiti raccolti e deve produrre come specifica un modello concettuale dell’applicazione. Si vuole quindi costruire un modello completo, preciso, leggibile e traducibile in un programma.

Analisi del software: Cosa sono le specifiche e i requisiti del software

Piu’ in dettaglio, gli obiettivi dell’analisi sono i seguenti cinque.

1. Ragionare sui requisiti

I requisiti dei sistemi software sono spesso suddivisi in requisiti funzionali e non funzionali. I requisiti funzionali sono un elenco dei servizi che il sistema dovrebbe fornire mentre i requisiti non funzionali sono vincoli sui servizi. Questi ultimi infatti spesso specificano le proprietà del sistema complessivo (prestazioni, protezione e affidabilità).
I requisiti devono essere formalizzati in modo tale da eliminare incompletezze, inconsistenze e ambiguità. Le specifiche del sistema devono essere definite in modo dettagliato, facilmente comprensibile (sia allo sviluppatore che all’utente finale) e usando una terminologia coerente ed essenziale (definire cosa fare, non come). E’ necessario comprendere a fondo le implicazioni che i requisiti comportano al fine di eseguire una corretta analisi del progetto.

2. Creare un modello

In una prima fase i requisiti sono descritti in linguaggio naturale perchè devono essere condivisi e concordati anche con utenti non esperti (i probabili utilizzatori finali dell’applicazione). Si opera quindi una prima traduzione da specifica scritta in linguaggio naturale a modello dell’analisi dei requisiti, allo scopo di fornire una descrizione del dominio informativo, funzionale e del comportamento del sistema informatico.
Un modello è una visione astratta del sistema che ne ignora alcuni dettagli e che cambia dinamicamente con l’evolversi del progetto. Esso deve possedere le seguenti caratteristiche: leggibilità, chiarezza semantica, potere espressivo e traducibilità nei linguaggi di programmazione.

3. Verificare i requisiti sul modello

Una volta creato il modello, è necessario verificare che ci sia coerenza rispetto alle specifiche, che non vi siano conflitti, che i requisiti siano sufficientemente dettagliati e che siano necessari per l’obiettivo finale del sistema.

4. Discutere i requisiti sul modello con l’utente finale

Quando l’utente ha esaminato il modello e lo ha ritenuto corrispondente ai requisiti, questi ultimi devono essere classificati per priorità.

5. Prendere decisioni ad alto livello sulla strutturazione dell’applicazione

Conclusa l’analisi dei requisiti, la progettazione del software definisce i dettagli necessari per implementare il sistema (architettura, interfacce, moduli).

Pubblicato da Vito Lavecchia

Lavecchia Vito Ingegnere Informatico (Politecnico di Bari) Email: [email protected] Sito Web: www.vitolavecchia.altervista.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *