Applicazione e esempi pratici dell’Industria 4.0

Applicazione e esempi pratici dell’Industria 4.0

Il termine industria 4.0, di cui oggi si sente sempre più spesso parlare, indica il nuovo step a livello industriale che ci si aspetta prenderà il sopravvento nei prossimi anni.
Come lo stesso termine lascia intendere questo nuovo paradigma tecnologico comporterebbe la quarta grande rivoluzione industriale. Storicamente si è assistito ad altre tre rivoluzioni industriali, che grazie a nuove tecnologie hanno modificato irreversibilmente l’industria stessa.

L’industria 4.0 avrà effetti non solo nelle attività manifatturiere, ma bensì abbraccerà tutte le imprese produttrici di beni e servizi. Inoltre avrà effetti che sconfineranno dalla dimensione aziendale, e eventuali applicazioni di concetti 4.0 avranno e etti sull’intera struttura economica oltre che sulla nostra società in generale.

Applicazione e esempi pratici dell'Industria 4.0

Per questo motivo parlare di Industria 4.0 in modo generico e trattare di tutti i suoi vari aspetti e possibili applicazioni sarebbe un argomento troppo vasto.
Inoltre considerando lo scopo di questa tesi, che è analizzare gli strumenti di assessment a disposizione delle aziende per valutare la loro preparazione alla nuova rivoluzione industriale, il focus sarà sulle applicazioni del nuovo paradigma tecnologico all’interno delle aziende.
Per un’analisi più dettagliata inoltre si considereranno le applicazioni in specifiche aree aziendali, alcune delle quali più tipiche di un’industria di tipo manifatturiero, mentre altre applicabili anche ad aziende di servizi.

In particolare si analizzeranno le applicazioni 4.0 nelle seguenti aree:

  1. Produzione
  2. Sicurezza sul lavoro
  3. Logistica interna e Acquisti
  4. Distribuzione, Marketing e Vendite
  5. Servizi post vendita (Manutenzione)

Come si può notare queste funzioni sono tutte quelle che compongono la cosiddetta catena del valore (con l’aggiunta della sicurezza). Le attività di supporto non sono considerate, nonostante le nuove tecnologie possano avere applicazioni anche in esse. Questo è infatti anche l’approccio utilizzato dagli strumenti di assessment che si stanno diffondendo in tutta Europa e che si concentrano sulle attività principali delle imprese.

Tuttavia, sebbene le aree coprano sia aspetti interni sia aspetti esterni all’azien da, ad esse non sempre è riservato lo stesso livello di attenzione.
Come emerso dallo studio svolto da PWC i manager delle piccole e medie imprese prediligono l’applicazione di tecnologie 4.0 nell’area produzione perchè i bene ci sono molteplici e riscontrabili in breve tempo.

Un risultato analogo è riscontrabile nello studio On the contingent value of IT-based capabilities for the competitive advantage of SMEs: Mechanisms and empirical evidence di Paolo Neirotti ed Elisabetta Raguseo. Sebbene lo studio non sia speci co di tecnologie 4.0 esso tratta le cosiddette “Capacità IT” di un’azienda, che sono fortemente correlate all’industria 4.0. Lo studio in questione suddivide le IT-capabilities di un’impresa in interne ed esterne.

Sono definite come capacità orientate verso l’interno tutte quelle capacità basate sull’utilizzo di sistemi IT indirizzati alle operazioni interne di un’azienda. Un esempio sono i sistemi ERP. Il loro scopo principale è di raggiungere maggiore e scienza e una riduzione dei costi.

Le capacità orientate verso l’esterno sono invece quelle che supportano l’azienda nel gestire l’ambiente esterno, che consiste in clienti e fornitori. Esempi di applicazioni sono quindi i vari sistemi di NPD (New Product Development), e-commerce e CRM (Customer Relationship Management).

Dall’analisi dell’approccio delle piccole e medie imprese ai sistemi informativi è emerso che esse sono più orientate all’adozione di sistemi orientati all’interno, rispetto a quelli esterni. I motivi sono molteplici ma principalmente l’ostacolo è una maggiore complessità di implementazione dei sistemi esterni.
Tuttavia lo studio riporta anche che i sistemi esterni, rispetto a quelli orientati internamente, hanno un impatto maggiore sulle performance aziendali in termini di crescita e profittabilità.

Pubblicato da Vito Lavecchia

Lavecchia Vito Ingegnere Informatico (Politecnico di Bari) Email: [email protected] Sito Web: www.vitolavecchia.altervista.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *