Caratteristiche e differenze tra Kanban e Scrum

Caratteristiche e differenze tra Kanban e Scrum

Kanban vs Scrum

Kanban e Scrum sono framework che puntano entrambi al miglioramento continuo e all’ottimizzazione del processo, mantenendo il lavoro altamente visibile. Sono molto adattivi, però Scrum risulta più rigido e ha maggiori vincoli, mentre Kanban è più flessibile.

Caratteristiche e differenze tra Kanban e Scrum

Le caratteristiche più importanti di Scrum sono le seguenti:

  1. Credibilità verso i clienti grazie all’elevato numero di iterazioni e agli incontri con la committenza;
  2. Prodotto di alta qualità grazie al processo di sviluppo in diverse fasi e massima attenzione posta ad in ognuna di esse;
  3. Prodotto ad alta stabilità in quanto alla fine di ogni iterazione viene consegnata una parte di software completamente funzionante;
  4. Lavoro coordinato tra i membri del team che sono costretti ad interfacciarsi di continuo e collaborare per portare avanti il lavoro;
  5. Il cliente ha la possibilità di cambiare le priorità e i requisiti del prodotto in quanto il team è caratterizzato da elevata flessibilità tra un’iterazione e l’altra.

Invece il Kanban è caratterizzato da:

  1. Alta flessibilità;
  2. Visione d’insieme data dal fatto che tutti i collaboratori conoscono l’attuale avanzamento del progetto;
  3. Focus su consegne continue poiché il metodo permette di terminare ogni singolo task in modo efficiente, scoraggiando il multitasking e di conseguenza aumentata la Produttività;
  4. I membri del team possono focalizzarsi su un numero ristretto di task e farli meglio;
  5. Time-frame ben definiti che permettono la riduzione di tempo sprecato.

La principale differenza è la flessibilità: Kanban è molto flessibile sia per quanto riguarda i ruoli che i singoli task e le loro priorità.
Invece Scrum ha una certa flessibilità ma solo tra un’iterazione e l’altra. Nel corso degli sprint non è possibile nessun cambiamento: per i task, le modifiche si possono effettuate soltanto in presenza del cliente, mentre i ruoli sono rigidi e non si possono modificare.
Scrum e Kanban incentivano la retrospezione, l’analisi delle criticità riscontare durante il lavoro e delle possibili soluzioni, questo perchè sono accomunati dallo stesso principio: bisogna imparare dagli errori commessi in modo da non ripeterli in futuro e migliorare così l’efficienza e la professionalità.

Un elemento comune ai due framework è la lavagna che, però si basa su principi diversi.
La lavagna Scrum visualizza lo sprint creato dal team mostrando le storie e i task che verranno eseguiti in quello sprint, viene modificata prima di iniziare un nuovo sprint ed è proprietà dello specifico team.

La Kanban Board ha lo stesso layout della lavagna Scrum, ma non richiede una pianificazione anticipata. E’ possibile iniziare il lavoro e spostarsi attraverso le varie colonne della lavagna senza avere una pianificazione; si può condividere tra più persone ed è persistente. La lavagna Kanban a differenza della Scrum Board, consente un numero limitato di storie contemporaneamente in ogni colonna così da limitare il WIP (work i progress).

Combinando i principi Scrum con quelli Kanban si ottiene Scrumban, che segue la filosofia del Kanban e gli elementi tecnici dello Scrum.
Scrumban mantiene gli eventi dello Scrum, ma la frequenza può anche cambiare in base alle necessità e al contesto e si assicura che vengono rispettati i limiti del WIP. Include i ruoli tipici di Scrum e dal Kanban prende la board, il flusso continuo e la possibilità di effettuare le modifiche alla lavagna.
Scrumban, sicuramente, favorisce una transizione graduale ai team che voglio passare della tecnica Scrum al Kanban.

In conclusione confrontando Scrum e Kanban non è possibile affermare quale dei due è il migliore; dipende molto dal tipo di progetto, dagli obiettivi che si vogliono raggiungere e anche dal contesto aziendale.

Scrum comporta un cambiamento più radicale; al team è richiesta la conoscenza delle cerimonie, degli sprint e il rispetto dei ruoli, invece il Kanban incoraggia cambiamenti incrementali ma più graduali.
In generale se il gruppo di lavoro ha bisogno di un grande cambiamento per poter andare avanti, allora è preferibile implementare Scrum, se invece sono necessarie solo piccole modifiche per migliore in questi casi la scelta migliore è il Kanban.

Pubblicato da Vito Lavecchia

Lavecchia Vito Ingegnere Informatico (Politecnico di Bari) Email: [email protected] Sito Web: https://vitolavecchia.altervista.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *