Caratteristiche e funzionamento di Jenkins

Caratteristiche e funzionamento di Jenkins

Jenkins è uno strumento di integrazione continua open source e rappresenta uno dei princi- pali strumenti di automazione di compiti. Esso permette agli utenti, tramite la definizione di project (in passato definiti jobs) di automatizzare una serie complessa di compiti, quali ad esempio la compilazione di una componente software a partire dal suo codice sorgente, l’esecuzione dei test e la visualizzazione dei loro risultati e il deploy dell’artefatto ottenuto verso un dei prodotti.

Jenkins è facilmente installabile e configurabile ed è funzionante “out of the box” senza particolari impostazioni; presenta un ricco ecosistema di plugin messi a disposizione dalla comunità ed è estensibile, tramite questi ultimi, qualora le funzionalità desiderate non fossero già disponibili.
Jenkins si basa su un’architettura master-slave, dove un’istanza principale (il master) coordina i vari compiti tra uno o più slave, i quali rappresentano dei meri esecutori dei lavori a loro assegnati.

Caratteristiche e funzionamento di Jenkins

Jenkins master e nodi slave

Jenkins dunque supporta l’architettura master/slave, che ne permette di distribuire il carico di lavoro dal nodo master (il server Jenkins) su dei nodi slave (detti anche “agent”). Un nodo slave definisce un’ambiente specifico di esecuzione nel quale possono essere eseguite le operazioni di test.
Di fatto, uno dei principi Agile e DevOps consiste nell’effettuare sviluppo e test di un software in un’ambiente il più simile possibile a quello di produzione (pre-produzione) in modo che non sia necessario ricrearlo in un secondo momento per verificare il corretto funzionamento della componente.

Pubblicato da Vito Lavecchia

Lavecchia Vito Ingegnere Informatico (Politecnico di Bari) Email: [email protected] Sito Web: www.vitolavecchia.altervista.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *