Casa domotica: Vantaggi e servizi della domotica

Casa domotica: Vantaggi e servizi della domotica

Cosa può offrire l’automazione domestica?

La casa domotica (o smart home) non è solo un sistema chiuso i cui vantaggi hanno come unico destinatario il nucleo familiare, ma, come tutte le nuove tecnologie, non può non incrociarsi con altre attese tecnologiche, creando nuove prospettive di notevole interesse sociale. Gli ambiti principali in cui opera la domotica e che dimostrano prospettive e applicazioni promettenti sono il risparmio energetico, il comfort ambientale, la sicurezza, il controllo degli elettrodomestici, la gestione dell’entertainmennt, i teleservizi.

Casa domotica: Vantaggi e servizi della domotica

Domotica e risparmio energetico

La gestione automatizzata degli elettrodomestici consente un tangibile risparmio di energia elettrica e un più sicuro funzionamento degli stessi carichi. Questa è diventata ormai una necessità per l’aumento esponenziale dei dispositivi elettrici avutosi negli ultimi anni nelle nostre abitazioni e il conseguente potenziale consumo di picco che può manifestarsi, provocando black-out e danni reali all’impianto. Il risparmio tangibile per il consumatore può derivare, come già succede in America e in alcuni paesi dell’Europa, da politiche di fasce orarie con costi energetici differenziati. Il sistema demotico può quindi farsi carico, ad esempio, di accendere la lavatrice la sera o la notte.

L’integrazione di sensori di presenza con il controllo delle luci e del riscaldamento/condizionamento porta all’ottimizzazione delle risorse energetiche, adattando indipendentemente la temperatura dell’ambiente alle varie stanze ed illuminandole alla effettiva presenza di persone al loro interno. L’integrazione degli stessi sensori con l’impianto elettrico può portare, inoltre, a una riduzione dei campi magnetici nelle stanze dove c’è la presenza di persone. L’introduzione di sensori ambientali situati all’esterno dell’abitazione porta all’attivazione dell’impianto di irrigazione del giardino o delle piante non solo in fasce orarie predefinite, ma soprattutto quando vi è una reale necessità, comportando un notevole risparmio di acqua.

Domotica e comfort

Il sistema preposto all’automazione della casa gestisce tutto quello che può influire sui parametri ambientali modificandone gli assetti in funzione delle esigenze dell’utente e adeguandoli costantemente senza una continua richiesta di input. La casa domotica può coordinare il sistema di riscaldamento o condizionamento con il sistema di ventilazione o con l’apertura o la chiusura delle finestre per mantenere all’interno di ciascuna stanza la temperatura e l’umidità richieste dall’utente con qualsiasi tempo e in qualsiasi stagione dell’anno. Se l’utente lo desidera, nei mesi invernali, mantiene la temperatura a livelli inferiori alla norma abituale quando l’alloggio non è abitato, e la rialza portandola ai gradi voluti prima del rientro degli occupanti.
Anche l’impianto d’illuminazione è coordinato in maniera da accendere le luci al passaggio di un utente e di spegnerle una volta che è passato.

Domotica e sicurezza

Esistono due tipi di sicurezza in relazione alla casa e alla vita che si svolge all’interno di essa. Questi tipi sono correttamente definiti dalle parole in lingua inglese “security”, ad indicare la protezione da effrazioni ed intrusioni, e “safety” ad indicare la protezione da ogni forma di incidente domestico. La casa domotica ha il compito di incrementare le due forme di sicurezza, salvaguardando l’utente da potenziali situazioni di incidente che lo possano danneggiare.

Domotica e assistenza

L’introduzione dei comandi vocali e di strumenti per la tele-assistenza rappresentano ormai un valido, se non insostituibile, aiuto per anziani, malati e portatori di handicap. La connessione dell’impianto domestico con l’esterno permette di monitorare eventuali parametri vitali dando la possibilità di intervenire rapidamente in situazioni di emergenza tramite l’invio automatico di richieste di soccorso per via telefonica. L’utilità è evidente soprattutto quando l’utente è una persona anziana o un soggetto a rischio che vive da solo.

Domotica e entertainment

Negli ultimi tempi anche il settore dell’entertainment ha subito una serie costante di rivoluzioni, accostando ulteriormente al gran numero di televisori, videoregistratori e impianti hi-fi e collocati in stanze diverse dell’abitazione, strumenti moderni come lettori DVD e BluRay, Decoder del segnale digitale terrestre e di quello satellitare, stazioni multimediali di archiviazione… La situazione è ulteriormente complicata dal fatto che ogni dispositivo ha il proprio telecomando che, a meno di alcune eccezioni, possiede le stesse caratteristiche. Si registra inoltre una particolare tendenza alla cospazaialità e alla cotemporalità delle funzioni, sottolineata dal cambiamento delle abitudini soprattutto le più banali e quotidiane. Ognuno vuole vedere il suo programma preferito o ascoltare la musica nei modi e nei momenti che maggiormente gli aggradano. Il sistema domotico capta i segnali dall’esterno o dall’impianto centrale dell’abitazione e li distribuisce sui vari apparecchi, controlla il livello di ricezione e di trasmissione badando alla sintonia, alla luminosità dello schermo, alla qualità ed al volume dell’audio. E’ consentita, per esempio, la fruizione di un unico lettore DVD da più terminali video della casa. E ancora, se l’utente è un amante della musica, può predisporre una serie di altoparlanti in modo da poter ascoltare il suo album preferito in qualsiasi punto della casa e può, da dove si trova, comandare l’accensione e gestire l’impianto hi-fì (regolarne il volume, risentire un passaggio o registrare un brano, ecc.).

Pubblicato da Vito Lavecchia

Lavecchia Vito Ingegnere Informatico (Politecnico di Bari) Email: [email protected] Sito Web: www.vitolavecchia.altervista.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *