Che cos’è, come funziona e utilizzi della Realtà Virtuale

Che cos’è, come funziona e utilizzi della Realtà Virtuale

Diversamente dalla Realtà Aumentata, la Realtà Virtuale (Virtual Reality, VR) è la creazione di ambienti o mondi digitali tramite computer, dove l’utente può interagire direttamente con questa realtà come attore principale o secondario.

La definizione di Realtà Virtuale data dall’istituto di ricerca Juniper è:

“La tecnologia che sfrutta degli audio e dati visuali predeterminati da una fonte digitale, creando un ambiente interattivo ed artificiale per gli utenti mediante l’utilizzo di software e hardware specifici.”

Questo tipo di tecnologia è stato pensato già dal secondo dopoguerra, inizialmente come frutto dell’immaginazione dello scrittore di fantascienza W. Gibson, mentre venne impiegata dalla NASA nei sistemi di simulazione di volo dagli anni Sessanta. Questi sistemi erano di tipo rudimentale, e con un sistema di funzionamento che non ha molto a che vedere con ciò che intendiamo oggi per VR; infatti questi consistevano in una serie di schermi televisivi a tutto campo collegati ad una struttura mobile che riproduce un abitacolo, permettendo al pilota di guardarsi attorno non includendolo all’interno della rappresentazione stessa, ma lasciandolo all’esterno mettendo così in atto un rapporto esclusivo e non inclusivo.

Che cos'è, come funziona e utilizzi della Realtà Virtuale

Le caratteristiche della realtà virtuale sono:

  • Funziona tramite un linguaggio grafico o tridimensionale;
  • Fa del 3D uno strumento dinamico ed interattivo;
  • Permette di vivere esperienze controllate;
  • Il suo funzionamento è dinamico e opera in tempo reale
  • I suoi stimoli fanno in modo che ciò che è virtuale venga percepito come reale.

Il funzionamento della Virtual Reality è dato dall’unione di tre variabili, anche chiamate le tre I della VR: l’interazione, l’immersione, e l’immaginazione.

La prima, ossia l’interazione è l’interfaccia con la quale l’usuario si relaziona con il mondo virtuale. Essa implica la simulazione in tempo reale e l’interazione mediante una molteplicità di canali sensoriali (vista, udito, tatto, olfatto e gusto).

L’immaginazione, è la capacità mentale di rappresentare le immagini di cose reali o ideali, è inoltre la capacità di creare, ideare e progettare cose nuove.

L’ultima, l’immersione avviene quando l’utente perde il contatto con la realtà fisica, percependo solamente quelli che vengono dal mondo virtuale, i quali diventano stimoli primari. Tra le modalità di immersione offerte dalla Realtà virtuale, se ne individuano principalmente tre: i sistemi totalmente immersivi, dove l’utente si sente dentro il mondo che sta esplorando. Questi tipi di sistemi utilizzano diversi accessori, come guanti, vestiti speciali, visori, i quali rendono l’esperienza ancora più realistica.

Pubblicato da Vito Lavecchia

Lavecchia Vito Ingegnere Informatico (Politecnico di Bari) Email: [email protected] Sito Web: www.vitolavecchia.altervista.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *