Che cos’è e perchè usare il linguaggio XML

Che cos’è e perchè usare il linguaggio XML

Cos’è il linguaggio XML

Per XML si intende un meta linguaggio che fornisce un formato per la descrizione di dati strutturati. Ciò consente di dichiarare con maggiore precisione il contenuto dei dati e di ottenere risultati più significativi nelle ricerche eseguite in più piattaforme. Inoltre, il linguaggio XML renderà possibile una nuova generazione di applicazioni Web per la visualizzazione e la manipolazione di dati. Il linguaggio XML fornisce una rappresentazione strutturale dei dati che può essere ampiamente e facilmente implementata. Definito dal consorzio W3C (World Wide Web Consortium), il linguaggio XML assicura che i dati strutturati siano uniformi e indipendenti dalle applicazioni o dai produttori. L’interoperabilità che ne risulta costituisce un punto di partenza per la nascita di nuove applicazioni Web per le aziende e il commercio elettronico.

Che cos'è e perchè usare il linguaggio XML

Il linguaggio XML, che fornisce uno standard per i dati in grado di codificare il contenuto, la semantica e gli schemi per una vasta gamma di casi dai più semplici ai più complessi, può essere utilizzato per contraddistinguere:

  • un semplice documento;
  • un record strutturato, come un appuntamento o un ordine di acquisto;
  • un oggetto dotato di dati e metodi, come la forma persistente di un oggetto Java o un controllo ActiveX;
  • un record di dati, come i risultati di un’interrogazione;
  • il meta-contenuto di un sito Web, come il formato CDF (Channel Definition Format);
  • una presentazione grafica, come l’interfaccia utente di un’applicazione;
  • entità e tipi di schemi standard;
  • tutti i collegamenti esistenti tra informazioni e persone sul Web.

Una volta che i dati si trovano sul desktop client, possono essere manipolati, modificati e presentati in più visualizzazioni, senza spostamenti da e verso il server. I server possono quindi diventare più scalabili grazie a minori carichi computazionali e di larghezza di banda. Inoltre, giacché i dati vengono scambiati nel formato XML, possono essere facilmente ricavati da più origini e successivamente uniti. Il linguaggio XML è di enorme valore per Internet e per gli ambienti intranet delle grandi aziende, poiché fornisce interoperabilità mediante l’utilizzo di un formato flessibile, aperto e standardizzato, dotato di nuovi modi di accedere ai database e in grado di fornire dati ai client Web. Le applicazioni possono essere create in maniera più rapida, possono essere gestite più facilmente e infine possono fornire più visualizzazioni dei dati strutturati.

Perché usare il linguaggio XML

Il Web ha reso possibile comunicare con chiunque e in qualunque luogo. Degli standard accettati da tutti, fondamentali per sfruttare appieno tutto il potenziale del Web, consentono di comunicare a più livelli tecnologici interoperativi. Un importante livello è costituito dalle interfacce utente, esemplificate da standard attuali quali HTML, GIF e JavaScript. Tali standard consentono di creare una pagina e di visualizzarla in momenti diversi da parte di più riceventi. Sebbene gli standard delle interfacce utente costituiscano un livello necessario, non sono sufficienti a rappresentare e gestire i dati.

Oggigiorno Internet è un mero mezzo di accesso a immagini e testi. Non esistono standard per ricerche intelligenti, scambio di dati, presentazioni adattabili e personalizzazioni. Internet deve fare molto più che fornire accesso a informazioni e fissare standard di visualizzazione. Deve fissare uno standard per la comprensione delle informazioni, un modo comune di rappresentare i dati cosicché i programmi software siano in grado di eseguire meglio ricerche, spostarsi, visualizzare e manipolare informazioni nascoste nell’oscurità contestuale. Lo standard HTML non può fare tutto questo perché si limita a descrivere l’aspetto di una pagina Web, senza rappresentare i dati.

Ad esempio, il linguaggio HTML non è in grado di:

  • fornire ad un medico un modo standard di inviare una prescrizione a un farmacista;
  • consentire ad un laboratorio medico di rendere pubbliche delle informazioni statistiche in un formato analizzabile da parte di qualsiasi ricevente;
  • descrivere un pagamento elettronico in una forma decodificabile ed elaborabile da parte di qualsiasi ricevente;
  • fornire un modo standard di ricercare nelle biblioteche giuridiche tutti i documenti processuali concernenti un determinato argomento;
  • specificare come è possibile trasmettere le informazioni contenute in un catalogo aziendale in modo che un commesso viaggiatore possa lavorare non in linea, mostrare il catalogo ai clienti, prendere ordini e caricare tali ordini in un formato standard.

In poche parole, sebbene il linguaggio HTML sia molto ricco dal punto di vista della visualizzazione, esso però non fornisce un modo standard di gestire i dati. L’esistenza di uno standard per la rappresentazione dei dati consentirà ad Internet di espandersi allo stesso modo in cui ciò è stato possibile alcuni anni fa grazie allo standard HTML per la visualizzazione. Lo standard per i dati diventerà il veicolo delle transazioni aziendali, della pubblicazione dei profili personali, della collaborazione automatizzata e della condivisione dei database. Le diagnosi cliniche, i dati della ricerca farmaceutica, le schede sui semiconduttori e gli ordini d’acquisto verranno scritti in questo formato. Ciò aprirà nuove prospettive d’utilizzo, tutte basate su una rappresentazione standard per lo spostamento di dati strutturati sul Web con la stessa facilità con cui oggi si spostano le pagine HTML. Questo standard è costituito dal linguaggio XML e dalle estensioni XML. Il mondo dell’economia,quindi, vede l’XML come uno strumento per guadagnare competitività basato sull’effetto leva delle nuove tecnologie. Proprio la minimizzazione del costo del commercio elettronico è un elemento chiave per il miglioramento della competitività.

Gli investimenti per l’acquisizione di una soluzione di commercio elettronico si ripartiscono tra i costi di acquisizione, di sviluppo, di rilascio e adattazione, d’integrazione con i programmi di software di gestione ed i costi di gestione e manutenzione dei servizi. Ci si aspetta che l’utilizzazione dell’XML per il commercio elettronico sia meno costosa dell’utilizzazione delle soluzioni tradizionali per gli scambi EDI e di altre tecnologie esistenti per il commercio elettronico. Questa diminuzione dei costi è un argomento che porta a scegliere l’XML al posto delle tecnologie tradizionali.

Pubblicato da Vito Lavecchia

Lavecchia Vito Ingegnere Informatico (Politecnico di Bari) Email: [email protected] Sito Web: www.vitolavecchia.altervista.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *