Che cos’è e quali sono le applicazioni comuni della domotica

Che cos’è e quali sono le applicazioni comuni della domotica

Introduzione alla domotica

La Domotica si riferisce a quella scienza interdisciplinare che sfrutta i computer e l’elettronica per il controllo intelligente di dispositivi, in un ambiente domestico. I sistemi domotici attualmente in uso sono molti, e spaziano dal semplice controllo remoto di luci, ad un più intelligente network di microcontrollori e sensori sparsi per casa. I benefici possono essere tanti, e maggiori soprattutto nei casi di persone con particolari handicap motori.

Automazione è in un certo qual senso sinonimo di semplicità e risparmio. Molti compiti e processi quotidiani sono automatizzati da macchine sempre più specializzate, si pensi alle lavatrici, esse sono state sviluppate per semplificare e ridurre la quantità di lavoro manuale nel lavaggio della biancheria. Mentre i sistemi di allarme sostituiscono le sentinelle nelle mansioni di guardia e sicurezza. Sono tutti esempi d’automazione, piccoli tasselli di domotica a cui nessuno riesce più a rinunciare.

Applicazioni della domotica

La domotica è adottata per ragioni di semplificazione, sicurezza ed efficienza energetica. Si pensi al controllo di ambienti climatizzati, ai sistemi d’allarme, all’irrigazione automatica o alle serrature elettroniche. Nelle semplici installazioni, “domotica” può essere considerata l’illuminazione automatica di una stanza al rilevamento di una presenza. Nelle installazioni più avanzate invece, la stanza può rilevare non solo la presenza ma sapere esattamente chi è entrato, settando una luce appropriata, una temperatura adeguata, il volume della musica, elencare persino le notizie del giorno. Altre operazioni automatizzate potrebbero riguardare il risparmio energetico. E’ possibile immaginare lo scenario in cui la casa rimane vuota, e le luci vengono spente, i dispositivi d’allarme attivati e i sistemi di climatizzazione settati nelle modalità di basso consumo. L’impiego di sensori di presenza possono infatti far risparmiare ore di energia, sprecata da luci, quando non siamo in casa o nella stanza cui sono preposti i sensori.

Non è difficile trovare funzionalità del genere, infatti, nei sistemi domotici, affiancate da molte altre caratteristiche tipiche ai sistemi d’illuminazione, quali:

  1. Apertura e chiusura di luci con telecomandi wireless.
  2. Apertura e chiusura di luci a timer.
  3. Controllo della luminosità delle luci in base alla luce ambientale rilevata.
  4. Possibilità di cambiare colore alle luci (LED RGB).
  5. Regolazione della luce ambientale proveniente dalle finestre.
  6. Controllo delle luci via smartphone e tramite internet.

Con un monitoraggio costante in remoto, diviene facile avere accesso in mobilità a tutte le funzioni di casa, controllando in tempo reale la temperatura degli ambienti, ma anche accertarsi che non vi siano rilevazioni di fuoriuscite di gas o fumo da parte dei sensori. Questi sono solo alcuni aspetti della Sicurezza utilizzati nei sistemi domotici:

  • Rilevamento di incendi, fuoriuscite di gas.
  • Teleassistenza.
  • Simulazione di presenza
  • Rilevamento di presenza
    • Sensori di movimento
    • Sensori magnetici per porte e finestre
    • Sensori di pressione
    • Sensori di rottura vetri

Che cos'è e quali sono le applicazioni comuni della domotica

Pubblicato da Vito Lavecchia

Lavecchia Vito Ingegnere Informatico (Politecnico di Bari) Email: [email protected] Sito Web: www.vitolavecchia.altervista.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *