Come è possibile conoscere e analizzare i visitatori di un sito web

Come è possibile conoscere e analizzare i visitatori di un sito web

Google Analytics è uno strumento gratuito fornito da Google per il tracciamento delle visite. Affinché lo strumento funzioni è necessario inserire un codice javascript che verrà eseguito dal motore javascript dei browser che effettuano la visita. Questo codice di monitoraggio è specifico per ogni profilo e deve essere inserito prima del tag </body> in tutte le pagine che devono essere monitorate. Sulla base delle necessità di monitoraggio il codice può essere modificato.

Nel momento in cui Google Analytics è attivato inizia la raccolta dei dati che possono essere esaminati nella sezione chiamata “Bacheca”. Questa sezione visualizza un grafico con l’andamento delle visite degli ultime trenta giorni ed elenca una serie di informazioni basilari e riassuntive.

Come è possibile conoscere e analizzare i visitatori di un sito web

La sezione visitatori contiene diverse informazioni, le più importanti sono:

  • numero di visite: indica il numero di visite in base alle sessioni aperte dai visitatori. Una sessione inizia all’apertura della pagina e termina mezz’ora dopo aver visitato l’ultimo contenuto del sito. Quindi se un utente visita due pagine, ma tra una visita e l’altra trascorrono più di trenta minuti, allora vengono conteggiate due visite;
  • numero di visitatori unici assoluti: rappresenta il numero di browser che hanno visitato il sito. Google Analytics definisce il visitatore unico come l’utente che accede al sito con uno stesso account e uno stesso browser. Logicamente se due persone accedono con lo stesso account e lo stesso browser Analytics lo considera come un unico utente; se invece uno stesso visitatore accede al sito web con account e browser diversi Analytics conteggia due visitatori unici. Occorre inoltre ricordare che Google Analytics opera lasciando dei cookie scritti nel computer degli utenti che accedono al sito, quindi se i visitatori, tra una visita e l’altra eliminano i cookie dal loro disco fisso, uno stesso utente che effettua più visite viene conteggiato come più utenti unici assoluti;
  • numero di pagine viste: rappresenta il numero di volte che è stata invocata la funzione trackPageView() che di norma è presente una sola volta all’interno di ogni pagina. Può accadere però che si voglia tenere traccia anche di alcuni link e in questo caso Google Analytics crea delle pagine virtuali che vanno a concorrere alla formazione del numero di pagine viste;
  • media delle pagine visualizzate: è dato dal rapporto tra il numero di pagine viste totali e il numero di pagine viste in un intervallo di tempo prestabilito. Più il parametro è alto maggiore è la soddisfazione del visitatore che si sposta da una pagina all’altra e continua la lettura dei contenuti;
  • tempo sul sito: rappresenta il tempo medio che un utente rimane sul sito;
  • frequenza di rimbalzo: è data dal rapporto tra il numero di visite di una pagina e il numero di visite del periodo selezionato. Se l’indice ha un valore alto significa che i visitatori dopo avere visto poche pagine (basta anche una sola pagina) abbandonano il sito, questo potrebbe significare che l’utente è insoddisfatto oppure che il sito è ben costruito e che il visitatore trova le informazioni di cui ha bisogno nella prima pagina che visita.

Pubblicato da Vito Lavecchia

Lavecchia Vito Ingegnere Informatico (Politecnico di Bari) Email: [email protected] Sito Web: www.vitolavecchia.altervista.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *