Come è possibile valutare la qualità dei contenuti di un sito web

Come è possibile valutare la qualità dei contenuti di un sito web

Google Analytics è uno strumento gratuito fornito da Google per il tracciamento delle visite. Affinché lo strumento funzioni è necessario inserire un codice javascript che verrà eseguito dal motore javascript dei browser che effettuano la visita. Questo codice di monitoraggio è specifico per ogni profilo e deve essere inserito prima del tag </body> in tutte le pagine che devono essere monitorate. Sulla base delle necessità di monitoraggio il codice può essere modificato.

Nel momento in cui Google Analytics è attivato inizia la raccolta dei dati che possono essere esaminati nella sezione chiamata “Bacheca”. Questa sezione visualizza un grafico con l’andamento delle visite degli ultime trenta giorni ed elenca una serie di informazioni basilari e riassuntive.

Come è possibile valutare la qualità dei contenuti di un sito web

Per migliorare l’ottimizzazione del sito provenienti dall’esterno del sito (visitatori e motori di ricerca) non sono sufficienti, infatti con l’analisi delle visite e del traffico non riusciamo a capire in quali punti del sito intervenire per migliorare il posizionamento.

A tale proposito Google Analytics mette a disposizione l’analisi dei contenuti che si occupa del monitoraggio dei percorsi di navigazione e del successo dei contenuti delle varie pagine. La validità e la disposizione dei contenuti influiscono sia sul tempo medio di visita dell’utente sia sulla frequenza di rimbalzo. Il webmaster spesso analizza la panoramica dei contenuti che fornisce un grafico, nel quale vengono indicate il numero di pagine visualizzate al giorno e un report nel quale compare l’elenco delle pagine che hanno ricevuto il maggiore numero di visite.

Particolarmente utile in questa sezione è la voce “Overlay del sito” che appena viene invocata apre una nuova finestra del browser con la visualizzazione del sito web. La particolarità sta nel fatto che su ogni link presente nel sito compare una barretta grafica che indica la percentuale di visitatori che lo ha cliccato. Utilizzando l’overlay è possibile navigare normalmente nel sito e capire quali sono i link che hanno maggiore successo.

Nella pagina relativa alla “Panoramica dei contenuti” Google Analytics offre la possibilità di accedere anche al “Riepilogo di Navigazione”, attraverso il quale è possibile selezionare una qualsiasi pagina e visualizzare un flusso.

Al centro del flusso di navigazione viene posta la pagina in esame con varie indicazioni:

  • in alto a sinistra, la percentuale di ingressi al sito che partono direttamente dalla pagina in esame;
  • in basso a sinistra, la percentuale totale di visite che sono arrivate alla pagina analizzata, dopo che l’utente ha visitato in precedenza altre pagine del sito;
  • in alto a destra, la percentuale di visite che hanno abbandonato il sito dopo essere giunte alla pagina in analisi;
  • in basso a destra, la percentuale delle visite che sono giunte alla pagina analizzata e che hanno proseguito in altre pagine del sito.
Precedente Come è possibile conoscere le sorgenti di traffico di un sito web Successivo Come è possibile analizzare gli obiettivi di un sito web

Lascia un commento