Come funziona il posizionamento sui motori di ricerca in internet

Come funziona il posizionamento sui motori di ricerca in internet

Con il termine Posizionamento si intende l’acquisizione di visibilità tra i risultati dei motori di ricerca. Più specificatamente è l’operazione attraverso la quale il sito viene ottimizzato per comparire nei risultati in una posizione il più possibile favorevole e rilevante (definizione da Wikipedia). Prima di analizzare i fattori che influenzano il posizionamento è bene fare chiarezza sulla differenza tra motori di ricerca e directory.

Il motore di ricerca è un programma automatico che effettua ricerche su uno o più database aventi dislocazioni geografiche diverse, contenenti milioni di pagine web elaborando i dati in base ad opportuni algoritmi matematici. I motori di ricerca utilizzano strumenti specifici chiamati Crawler, Spider o Robots, il cui compito è quello di sondare il web per raccogliere e archiviare i contenuti presenti nelle pagine web. Le Directory invece organizzano i dati in strutture ad albero costituiti da nodi padre e figlio.

All’interno delle strutture i siti vengono inseriti manualmente capendo quindi che le directory necessitano di un intervento umano costante continuo per rimanere aggiornate. Nel corso del tempo i motori di ricerca hanno instaurato un rapporto con gli utenti sempre più consolidato nel tempo ritenendoli gli strumenti più efficaci e utili per orientarsi nel Web.

Come funziona il posizionamento sui motori di ricerca in internet

Molte scelte degli utenti passano per i motori di ricerca, come per esempio per gli acquisti on-line dove viene fatta una ricerca sul web per capire caratteristiche e funzionalità del prodotto per far si che la scelta cada su uno piuttosto che su un altro. Un fattore molto importante negli acquisti on-line è dato dal commento o feedback, il quale può incidere in maniera negativa o positiva sull’azienda aumentando o diminuendo la sua reputazione.
I fattori che influenzano il posizionamento si dividono in due branchie principali, i fattori interni alla pagina (On page Factor) e i fattori esterni alla pagina (Off page Factor).

I principali fattori On Page Factor comprendono:

  1. Tag title (è una porzione di codice contenuta nella testata della pagina)
  2. Meta tag (sono metadati presenti nel linguaggio HTML utilizzato per creare la pagina web)
  3. Keyword density (è la percentuale di tempo in cui le parole chiavi appaiono nella pagina web comparate con il numero totale di parole nella pagina)
  4. Heading tag (è utilizzato per suddividere i contenuti di una pagina in paragrafi ordinati per importanza)
  5. Tag di enfatizzazione (è l’utilizzo del grassetto o del corsivo per mettere in risalto determinate parole o frasi)
  6. Link, URL (è una sequenza di caratteri che identifica univocamente l’indirizzo di una risorsa in Internet)
  7. Struttura della pagina
  8. Microformati e Semantic Web (permettono la scoperta e la classificazione efficace delle informazioni online creando delle scorciatoie utili all’utente).
  9. Ottimizzazioni di immagini e contenuti multimediali

L’ottimizzazione dei fattori descritti qui sopra fa si che il Crawler nel suo processo di scansione sia più efficiente. Questi fattori possono essere utilizzati per:

  1. Localizzazione delle Keyword: il search engine algorithm localizza le keyword presenti nella pagina partendo dai tag HTML.
  2. Frequenza: è molto importante inserire le keyword in zone della pagina visibili
  3. Aggiungere funzionalità in base a specifici fattori: è necessario che un web master sia in grado di determinare con quale frequenza gli spider aggiornano lo stato del sito web onde evitare di classificare la pagina come spamming.

I principali fattori Off Page Factor invece comprendono:

Se i motori di ricerca si basassero solo sugli On Page Factor, non sarebbe necessario che gli spider evoluti tengano in considerazione anche fattori aleatori, che possono variare in base alla tipologia del sito e alla sua popolarità.

Posizionamento sui motori di ricerca in internet

Tutti questi fattori compongono l’autorevolezza del sito web agli occhi dei principali motori di ricerca. Ricordiamo come uno dei principali motori di ricerca Google tra le varie tecniche di catalogazione e indicizzazione dei contenuti web utilizzi un suo algoritmo conosciuto con il nome Page Rank. Questo algoritmo è stato ideato da Brin e Page e consente di ottenere una classifica delle pagine indipendenti dalle query svolgendo tali attività periodicamente.

Questo sistema di calcolo attribuisce a ogni singola pagina web indicizzata, un valore che va da 0 a 10. Google combina i valori di Page Rank con quelli di rilevanza al fine di ordinare le pagine in risposta a un’interrogazione. Il Page Rank può essere considerato una versione più raffinata del link popularity intesa come l’affidabilità dei contenuti di un sito web che influisce sulla propria visibilità all’interno dei motori di ricerca.

Pubblicato da Vito Lavecchia

Lavecchia Vito Ingegnere Informatico (Politecnico di Bari) Email: [email protected] Sito Web: www.vitolavecchia.altervista.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *