Cosa sono e differenza tra nanotecnologia e intelligenza artificiale

Cosa sono e differenza tra nanotecnologia e intelligenza artificiale

Che ci crediamo o no, ma siamo sempre più circondati da diversi tipi di tecnologie affascinanti ma rivoluzionarie che rendono la nostra vita quotidiana molto migliore. Lo smartphone, per esempio, è una delle cose migliori mai accadute agli esseri umani. Non possiamo nemmeno passare un giorno senza i nostri preziosi smartphone o semplicemente qualsiasi dispositivo mobile per quella materia. Quegli assistenti personali virtuali sui tuoi smartphone a cui sei così abituato sono uno dei più grandi progressi tecnologici su un dispositivo mobile. Bene, quell’assistente personale virtuale è l’intelligenza artificiale o AI. L’intelligenza artificiale è una tecnologia rivoluzionaria che intende rendere le macchine più intelligenti, intelligenti e reattive. Poi, abbiamo la nanotecnologia, un’altra grande forza trainante dietro la rivoluzione tecnologica moderna.

Nanotecnologia

Negli ultimi decenni, scienziati e ingegneri hanno svolto ricerche approfondite sulla progettazione e l’ingegnerizzazione dei materiali a livello di atomi o piccoli gruppi di atomi. Poiché questa tecnologia è qualcosa che implica fare cose a un livello così microscopico, si chiama nanotecnologia. La nanotecnologia o Nanotechnology è uno dei campi più caldi della scienza, degli affari e delle notizie di questi tempi. La parola “nano” potrebbe essere solo una piccola parola, ma ha un grande potenziale e si sta rapidamente insinuando nella coscienza del mondo. Quando diciamo nano, intendiamo qualcosa di molto piccolo. La dimensione di un nanometro è un miliardesimo di metro, che è circa 100.000 volte più piccola della larghezza di un capello umano. Fare cose su questa scala incredibilmente piccola è la nanotecnologia. Implica lo sviluppo, la manipolazione e l’applicazione di materiali su scala nanometrica.

Cosa sono e differenza tra nanotecnologia e intelligenza artificiale

Intelligenza artificiale (AI)

L’intelligenza artificiale, o semplicemente denominata “AI” da Artificial Intelligence, si basa su un’idea molto potente: creare macchine intelligenti, intelligenti quanto o più intelligenti degli umani. L’idea di rendere intelligenti le macchine non è nuova; in effetti, le persone hanno cercato di creare macchine più intelligenti per secoli, ma l’idea è diventata parte della scienza moderna solo con l’ascesa dei computer digitali. L’origine dell’IA può essere fatta risalire al piccolo laboratorio nel 1956 al Dartmouth College organizzato da un giovane matematico di nome John McCarthy. Allora, cos’è l’IA? L’intelligenza artificiale è la scienza per rendere le macchine intelligenti, utilizzando algoritmi per consentire ai computer di svolgere compiti o risolvere problemi. L’intelligenza artificiale è un’ampia branca dell’informatica che si occupa di creare sistemi in grado di funzionare in modo intelligente e indipendente proprio come fanno gli esseri umani. Poiché l’IA è intelligenza dimostrata dalle macchine, è spesso chiamata intelligenza artificiale. L’intelligenza artificiale è quasi ovunque intorno a noi, da Siri ai chatbot, all’e-commerce e alle auto a guida autonoma.

Differenza tra nanotecnologia e intelligenza artificiale

Definizione 

La nanotecnologia è la manipolazione e l’applicazione di strutture e sistemi a livello subatomico o su scala nanometrica. Fare cose su scala incredibilmente piccola è la nanotecnologia. È un campo di ricerca e innovazione che coinvolge cose estremamente piccole e che può essere applicato a tutti gli altri rispettivi campi della scienza. L’intelligenza artificiale, a volte chiamata intelligenza artificiale, è la scienza per rendere le macchine intelligenti, quasi altrettanto intelligenti o più intelligenti degli umani. È un’ampia branca dell’informatica che si occupa di creare sistemi, in particolare sistemi informatici, per farli funzionare in modo intelligente e indipendente proprio come fanno gli esseri umani.

Obiettivi

La disciplina delle nanotecnologie intende rafforzare il campo della scienza e della tecnologia per fornire nuove soluzioni per il benessere umano e il mantenimento dell’equilibrio ambientale ed ecologico. L’idea è di manipolare con precisione atomi e molecole su scala nanometrica al fine di sfruttare le caratteristiche uniche di tali particelle per creare nuove particelle di caratteristiche uniche. L’obiettivo dell’IA è creare una tecnologia che consenta alle macchine di imitare il comportamento e le azioni umane per portare a termine compiti da semplici a complessi o risolvere problemi. In breve, l’idea alla base dell’intelligenza artificiale è quella di creare macchine intelligenti in grado di funzionare in modo intelligente o più intelligente degli umani.

Applicazioni

La nanotecnologia è utilizzata in una vasta gamma di applicazioni come la somministrazione di farmaci, bioinformatica, ingegneria dei tessuti, produzione e costruzione, cosmetici, agricoltura e industria alimentare, sanità, industria tessile, settore energetico e altro ancora. La nanotecnologia viene utilizzata anche in una gamma di prodotti di consumo quotidiano come lavaggio delle mani, bende, creme solari, ecc. Le applicazioni comuni dell’IA includono assistenti virtuali come Siri, Cortana, Google Now o chatbot. Altre applicazioni dell’intelligenza artificiale includono e-commerce, app di ridesharing, app di social networking, mappatura delle malattie, strumenti PNL, assistenti intelligenti, robot di produzione, gestione sanitaria, ecc.

Conclusioni

Possiamo concludere dicendo che ci sono alcune aree in rapida crescita in cui i due campi convergono. Bene, AI e nanotech non sono due tecnologie contraddittorie; infatti, le due tecnologie possono essere combinate insieme e la fusione può portare a meraviglie. Tecnicamente parlando, la nanotecnologia è una conoscenza combinata di fisica, chimica e ingegneria, mentre l’IA è una svolta tecnologica e una chiave per realizzare macchine più intelligenti. Ebbene, la nanotecnologia potrebbe essere la chiave per rendere le macchine più intelligenti. L’intelligenza artificiale alimenta semplicemente i dati nei sistemi informatici mentre utilizza semplici algoritmi per emulare alcuni aspetti dell’intelligenza umana al fine di prendere decisioni aziendali intelligenti o scoprire modelli per informazioni preziose.

Pubblicato da Vito Lavecchia

Lavecchia Vito Ingegnere Informatico (Politecnico di Bari) Email: [email protected] Sito Web: https://vitolavecchia.altervista.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *