Cos’è e a cosa serve partizionare un hard disk

Cos’è e a cosa serve partizionare un hard disk

L’hard disk (HD) è una memoria di massa dove vengono salvati i file. Sui sistemi operativi Microsoft ad ogni unità di memoria viene associata una lettera dell’alfabeto, ad esempio l’hard disk principale si chiama C. Poiché gli hard disk hanno una grande capacità (superiore a 100 GB) può essere utile dividere questa capacità in zone fisicamente separate tra di solo per archiviare cose di diverso tipo. Ad esempio, posso mettere in una zona i file del sistema operativo e in un’altra zona i dati.

Dunque, non sarebbe sufficiente fare due cartelle, perché non sarebbe una suddivisione fisica. Per separare in due (o più) parti l’hard disk si può eseguire un partizionamento. Dopo il partizionamento, il sistema operativo mostrerà all’utente la prima unità (C) e una nuova unità (D) che in realtà è solo una partizione della prima. La somma delle capacità delle due nuove unità corrisponderà alla capacità iniziale dell’hard disk.

L’operazione di partizionamento di un hard disk di solito distrugge tutti i dati in esso contenuti, ma esistono programmi che riescono a partizionare conservando i dati nella prima partizione (comunque la prudenza non è mai troppa ed è necessario fare sempre una copia di riserva dei dati).

Cos'è e a cosa serve partizionare un hard disk

Perché partizionare un hard disk?

La suddivisione dell’hard disk può essere utile per evitare una eccessiva deframmentazione dei dati, o anche per poter installare un altro sistema operativo. Un computer può avere al suo interno anche più di un sistema operativo, ma devono essere installati in partizioni separate. Il computer può essere avviato usando alternativamente un sistema operativo oppure l’altro ma non si possono avviare contemporaneamente più sistemi operativi (SO).

Precedente Caratteristiche della virtualizzazione Hypervisor in informatica Successivo Perché la protezione dei dati personali è importante?

Lascia un commento

*