Cos’è e a cosa serve un hub di rete in informatica

Cos’è e a cosa serve un hub di rete in informatica

Un ripetitore o hub è generalmente un dispositivo elettronico che riceve in ingresso un segnale debole e lo ritrasmette in uscita con un segnale più alto e potente, cosicché la propagazione del segnale può essere garantita a lunghe distanze senza eccessivo degrado. Il dispositivo lavora al livello fisico del modello ISO/OSI e non gestisce l’arbitraggio dell’accesso al mezzo trasmissivo, lasciando che gli host di una ethernet collegati lo facciano tramite l’algoritmo CSMA/CD. Ogni nodo che si collega ad un hub fa parte quindi del medesimo dominio di collisione. Il traffico, le collisioni ed i frame ritrasmessi vengono replicati su tutte le porte dell’hub, frazionando e sottraendo banda passante in egual misura ad ogni utenza della rete; le uniche connessioni possibili tra il dispositivo e gli host sono half-duplex.

Cos'è e a cosa serve un hub di rete in informatica

Vi sono tre categorie di hub:

  1. Passivi: Non necessitano di alimentazione, si limitano a connettere i cavi.
  2. Attivi: Necessitano di alimentazione, poiché amplicano il segnale.
  3. Ibridi: Hub avanzati, permettono collegamento tra più tipologie di cavo.

Oltre a ritrasmettere il segnale ricevuto ed eventualmente il segnale di jam nel caso di una collisione, un hub ha il compito di ripristinare simmetria e posizione del segnale rigenerando, se necessario, il preambolo del frame. Il ritardo introdotto da un hub per svolgere queste operazioni è generalmente di pochi microsecondi ed è quindi quasi ininfluente.

Pubblicato da Vito Lavecchia

Lavecchia Vito Ingegnere Informatico (Politecnico di Bari) Email: [email protected] Sito Web: www.vitolavecchia.altervista.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *