Cracking applicato al software

Cracking applicato al software

Con il termine cracking si intende la modifica di un software per rimuovere la protezione dalla copia, oppure per ottenere accesso ad un’area altrimenti riservata. La distribuzione di software così sprotetto (detto warez) è generalmente un’azione illegale se non criminale, per violazione di un copyright. Il crack viene spesso ottenuto tramite la reingegnerizzazione, tecnica che permette di capire la logica del software analizzando il suo funzionamento e le risposte a determinati input.

Per cracking si intende, anche, la violazione di sistemi informatici collegati ad interneto ad un’altra rete, allo scopo di danneggiarli, di rubare informazioni oppure di sfruttare i servizi telematici della vittima (connesione ad Internet, traffico voce, sms, accesso a database e ancora tanto altro) senza la sua autorizzazione o il suo permesso d’accesso.

Cracking applicato al software

Pubblicato da Vito Lavecchia

Lavecchia Vito Ingegnere Informatico (Politecnico di Bari) Email: [email protected] Sito Web: www.vitolavecchia.altervista.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *