Differenze principali tra ROM, EPROM e Flash ROM in informatica

Differenze principali tra ROM, EPROM e Flash ROM in informatica

ROM (Read-Only Memory)

La ROM, acronimo dall’inglese di Read Only Memory ha le seguenti due caratteristiche principali: è persistente, cioè mantiene il contenuto anche senza alimentazione e permette solo la lettura dei dati. Il contenuto di una ROM viene inserito durante la costruzione del chip, esponendo un materiale fotosensibile attraverso una maschera che contiene la configurazione desiderata di bit e poi incidendo la superficie esposta (oppure quella non esposta).

Differenze principali tra ROM, EPROM e Flash ROM in informatica

EPROM (Erasable Programmable Read-Only Memory)

Evoluzione della PROM ossia Erasable Programmable ROM. Può essere scritta e riscritta dall’utente successivamente alla sua costruzione. La cancellazione dei dati per l’operazione di riscrittura avviene mediante esposizione ai raggi UV.

Flash ROM (Flash Read-Only Memory)

Chiamata anche flash-memory è un tipo di eeprom che per le sue prestazioni può essere usata anche come memoria di lettura-scrittura. La memoria flash visto che è una memoria a stato solido, non presenta delle parti mobili, quindi è resistente agli urti ed è estremamente leggera e piccola. La memoria flash è indicata per la sua trasportabilità perché non richiede l’alimentazione elettrica per mantenere i dati. La memoria flash è usata nelle pendrive e nei computer portatili o desktop al posto delle memorie di massa (hard disk).

Pubblicato da Vito Lavecchia

Lavecchia Vito Ingegnere Informatico (Politecnico di Bari) Email: [email protected] Sito Web: www.vitolavecchia.altervista.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *