Differenze principali tra sistema distribuito, centrale e ibrido

Differenze principali tra sistema distribuito, centrale e ibrido

In informatica come in tutti i sistemi elettronici esistono tre tipologie di sistemi: distribuito, centrale e ibrido. I tre sistemi hanno vantaggi e svantaggi differenti a seconda dell’utilizzo e dell’ambito di applicazione. Vediamone dunque in breve cosa offre ognuno dei tre sistemi appena citati.

Differenze principali tra sistema distribuito, centrale e ibrido

Un sistema distribuito è un insieme di apparecchiature che comunicano tra loro ed in modo indipendente, mentre un sistema centralizzato è un sistema in cui ad una centralina vengono affidati tutti i compiti di gestione, interfacciamento e comunicazione con i dispositivi.
Un sistema centralizzato presenta un costo inferiore rispetto a quello distribuito poichè presenta un unico componente informatica ed elettronico di controllo al contrario del sistema distribuito, in cui tutti gli elementi del sistema devono avere una componente di controllo indipendente, e quindi aumentando gli eventuali costi di manutenzione.

Viceversa, un sistema distribuito costituisce una maggiore affidabilità rispetto ad uno centralizzato poichè ogni dispositivo può lavorare autonomamente; in un sistema centralizzato se viene meno il nodo centrale, tutti gli altri elementi diventano inutilizzabili. Di fatto un sistema distribuito ha la possibilità di essere sempre funzionante anche in caso di guasto e di estensione degli elementi del sistema. Inoltre da maggiore flessibilità rispetto ad uno centralizzato. L’utilizzo di un tipo di sistema a discapito dell’altro, dipende sempre dalle esigenze e dalla soluzione che può sembrare la migliore.

Capita che alcuni utilizzino un approccio ibrido, costituito da componenti indipendenti che fanno riferimento ad un nodo centrale. Tuttavia in impianti particolarmente complessi, dove le funzioni richieste sono svariate, il server centrale può diventare un nodo fondamentale di funzionamento del sistema. Ovviamente questo comporta le problematiche appena descritte, ma in alcuni casi, ad esempio per i sistemi più complessi come i grandi edifici, l’uso di una tipologia piuttosto che l’altra diventa una scelta obbligata.

Pubblicato da Vito Lavecchia

Lavecchia Vito Ingegnere Informatico (Politecnico di Bari) Email: [email protected] Sito Web: www.vitolavecchia.altervista.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *