Prinicipali caratteristiche e obiettivi della Business Intelligence (BI)

Prinicipali caratteristiche e obiettivi della Business Intelligence (BI)

Caratteristiche della BI

Un sistema di Business Intelligence (BI) deve rispondere a requisiti di funzionalità e progettazione che vanno ben oltre quelli propri di un normale ambiente di reportistica facente parte di un’applicazione gestionale. In particolare, un sistema di BI deve possedere le seguenti caratteristiche:

  1. Facilità d’uso: presentare i dati in un formato che sia facile da leggere e da interpretare, dove sia possibile navigare sui dati seguendo dei percorsi di analisi facilmente comprensibili dall’utente finale;
  2. Velocità: possibilità di trattare grandi volumi di dati con tempi di risposta quasi istantanei grazie all’uso di tecniche di modellazione, memorizzazione e indicizzazione dei dati orientate all’analisi piuttosto che all’aggiornamento dei dati;
  3. Integrazione: integrare tra loro dati provenienti da fonti differenti, sia interne che esterne all’azienda. Il processo di integrazione deve essere affidabile e testato, in modo che gli utenti possano fare affidamento sui dati presenti nel DW. Se i dati provenienti dai sistemi operazionali non sono puliti ed affidabili, prima di essere inseriti nel DW devono passare attraverso un processo di pulizia e certificazione;
  4. Storicizzazione: mantenere la storia dei cambiamenti subiti da certi attributi selezionati, per permettere analisi storiche contestualizzate;
  5. Identificazione di trend ed anomalie: gli strumenti devono facilitare l’identificazione di trend nei dati, ad esempio confrontando periodi e prodotti diversi. Queste operazioni sono possibili solo con l’utilizzo di strumenti interattivi che permettano di effettuare operazioni di drilldown/roll-up (visualizzazione di un dato a diversi livelli di dettaglio) e di slice & dice (cambiamento delle dimensioni di analisi sui due assi);
  6. Subject orientation: presentare i dati in modo da ottenere la visione completa di un processo aziendale (supply chain, vendite, qualità…), attraversando i confini delle singole aree dei sistemi gestionali;
  7. Simulazione scenari: in certi casi (applicazioni di budgeting, forecasting and planning) deve essere possibile impostare degli scenari e confrontarli poi con i valori reali (“actual”);
  8. Indipendenza dal reparto IT: gli strumenti di analisi e reportistica devono dare la possibilità agli utenti finali di crearsi da soli i report di cui hanno bisogno;
  9. Adattabilità nel tempo, intesa come la capacità di affrontare e sfruttare le inevitabili evoluzioni della realtà aziendale, dei sistemi operazionali e delle esigenze di analisi;
  10. Sicurezza: deve essere possibile controllare al tempo stesso in maniera stretta e flessibile l’accesso ai dati, che in molti casi includono informazioni altamente riservate.

Prinicipali caratteristiche e obiettivi della Business Intelligence (BI)

Obiettivi della BI

Gli obiettivi della BI sono invece:

  • Passare da opinioni a fatti;
  • Aumentare la qualità dell’informazione;
  • Dare informazioni significative;
  • Diffondere informazioni;
  • Condividere informazioni.

Scegliere in un’azienda le soluzioni idonee di DW/BI richiede una visione strategica d’insieme considerando che si hanno a disposizione diverse classi di prodotti (di tipo build or buy), per diverse tipologie di utenti (utenti finali, manager di linea, direzione), in diverse aree aziendali, su diverse architetture tecnologiche.

Pubblicato da Vito Lavecchia

Lavecchia Vito Ingegnere Informatico (Politecnico di Bari) Email: [email protected] Sito Web: www.vitolavecchia.altervista.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *