Professione Informatica: La figura del Chief Information Officer (CIO)

Professione Informatica: La figura del Chief Information Officer (CIO)

Descrizione

Il Chief Information Officer (CIO), in italiano responsabile aziendale professionale o anche direttore informatico, è responsabile della gestione della tecnologia informatica e guida la trasformazione della tecnologia informatica dell’azienda. Stabilisce e dirige gli obiettivi strategici a lungo termine per il dipartimento di tecnologia dell’informazione dell’azienda.
Determina le esigenze dei sistemi a lungo termine dell’azienda e identifica le soluzioni tecnologiche appropriate per raggiungere gli obiettivi aziendali dell’azienda nel modo più conveniente ed efficiente.
Oltre a ciò, questa figura dirige e gestisce tutte le attività quotidiane e in corso relative alle divisioni dell’infrastruttura IT e delle applicazioni IT dell’azienda. Inoltre, il CIO è responsabile della pianificazione delle politiche IT e dello sviluppo delle pratiche, del budget, delle risorse e della formazione; tenere traccia e calcolare come aumentare i profitti utilizzando il framework IT, nonché il ruolo vitale di ridurre le spese e limitare i danni istituendo controlli e pianificando possibili disastri. Il CIO deve collaborare con il Direttore dell’eccellenza organizzativa per il supporto al miglioramento dei processi aziendali. Il CIO deve essere informato sul settore bancario e finanziario, essere in grado di presentare ai membri del consiglio di amministrazione dell’azienda in merito a molti aspetti dell’informatica.

Professione Informatica: La figura del Chief Information Officer (CIO)

Competenze e mansioni

Il Chief Information Officer deve essere in grado di:

  • Raccogliere e razionalizzare le esigenze dei propri “Clienti Interni”
  • Contribuire all’analisi e alla definizione dei processi aziendali
  • Contribuire alla definizione dei requisiti funzionali e architetturali degli strumenti informativi
  • Contribuire alla gestione del cambiamento dovuto all’introduzione di nuovi strumenti informativi
  • Definire e gestire il budget destinato ai Sistemi Informativi
  • Definire degli standard metodologici e tecnologici di riferimento
  • Definire metriche (come KPI e SLA) per la valutazione dell’efficienza interna e dei fornitori di software e servizi
  • Organizzare e gestire il funzionamento quotidiano dei sistemi informativi, ottimizzando le risorse interne e gli appalti verso fornitori esterni
  • Organizzare e gestire il flusso delle informazioni sulla base dell’esperienza agevolando l’uso della tecnologia nel complesso informativo

Come diventare Chief Information Officer

Il primo passo da compiere è il conseguimento di un Master in ingegneria informatica, informatica o un settore correlato. Dieci o più anni di esperienza nell’information technology di livello senior e nella sicurezza IT, esperienza di supervisione di grandi gruppi e project management. E’ inoltre richiesta esperienza nella pianificazione strategica aziendale e IT, miglioramento dei processi e implementazione di integrazioni informatiche. Infine, sono richieste forti capacità comunicative scritte e verbali, cabilità interpersonali e capacità di motivare i team e produrre prodotti di qualità in tempi ristretti.

Pubblicato da Vito Lavecchia

Lavecchia Vito Ingegnere Informatico (Politecnico di Bari) Email: [email protected] Sito Web: www.vitolavecchia.altervista.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *