Professione Informatica: La figura del Perito informatico

Professione Informatica: La figura del Perito informatico

Il Perito informatico è una figura professionale capace di inserirsi in realtà molto differenziate, caratterizzate da rapide evoluzioni sia dal punto di vista tecnologico che da quello dell’organizzazione del lavoro e trova la sua collocazione sia nelle imprese specializzate nella produzione di software, sia in tutte le situazioni in cui la produzione e la gestione del software, il dimensionamento e l’esercizio di sistemi di elaborazione dati siano attività rilevanti indipendentemente dall’ambito di applicazione.

Professione Informatica: La figura del Perito informatico

Al termine degli studi il perito informatico possiede diverse conoscenze tra cui:

  • solide conoscenze nelle materie di base (matematica, statistica, inglese, italiano) che gli consentono di essere autonomo nel proprio futuro processo di apprendimento, sia a livello universitario che dell’aggiornamento permanente;
  • solide conoscenze tecnologiche: rappresentazione e trattamento delle informazioni, programmazione, ingegneria del software, elettronica);
  • buone conoscenze nella progettazione di sistemi per l’elaborazione, la trasmissione e l’acquisizione delle informazioni;
  • buone conoscenze dell’inglese tecnico.

D’altro canto, le principali competenze di questa figura professionali sono:

  • analizzare e progettare, a seconda delle necessità dell’azienda, procedure applicative e gestionali, dalla creazione di modelli fino ad indicare le strategie risolutive;
  • collaborare, sviluppando il s/w necessario, alla progettazione ed al dimensionamento di strutture h/w;
  • realizzare e amministrare reti di calcolatori sia in ambiente locale (LAN) che geografico (WAN);
  • progettare e realizzare una presenza significativa e qualitativa di un’azienda in internet;
  • sviluppare procedure dedicate a sistemi di acquisizione dati e gestione di data-base;
  • dimensionare, in funzione della realtà aziendale in cui opera, sistemi per l’elaborazione dati e decidere le risorse informatiche necessarie, h/w e/o s/w;
  • operare ai fini della manutenzione del s/w aziendale;
  • assistere l’utenza con consulenze o formazione di base per gli addetti;
  • interpretare in modo efficace la documentazione tecnica anche in lingua inglese.

Sbocchi professionali del Perito Informatico

I principali sbocchi professionali di questo titolo di studio sono:

  • Accesso alle facoltà universitarie
  • Aziende che sviluppano software
  • Aziende fornitrici di servizi informatici
  • Libera professione

Pubblicato da Vito Lavecchia

Lavecchia Vito Ingegnere Informatico (Politecnico di Bari) Email: [email protected] Sito Web: www.vitolavecchia.altervista.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *