Programmazione orientata agli oggetti: Cos’è l’incapsulamento

Programmazione orientata agli oggetti: Cos’è l’incapsulamento

Nella programmazione orientata agli oggetti (OOP), le classi sono uno strumento per costruire strutture dati che contengano non solo dati ma anche il codice per gestirli. Un oggetto invece è una istanza di una classe. Un oggetto occupa memoria, la sua classe definisce come sono organizzati i dati in questa memoria.

Programmazione orientata agli oggetti: Cos'è incapsulamento

L’incapsulamento è la proprietà per cui un oggetto contiene (“incapsula”) al suo interno gli attributi (dati) e i metodi (procedure) che accedono ai dati stessi. In altre parole, il principio di incapsulamento stabilisce che gli attributi privati di un oggetto siano accessibili solo ai metodi dello stesso oggetto. In diversi linguaggi l’accesso privilegiato agli attributi privati (private) di un oggetto viene consentito a tutti gli oggetti istanziati da una stessa classe. Inoltre di solito vengono forniti dei modificatori di controllo d’accesso in modo da poter definire attributi accessibili anche dagli oggetti delle sottoclassi (protected), da tutti gli oggetti delle classi di un pacchetto o infine da tutti gli oggetti (public). La direttiva public esclude l’incapsulamento e dovrebbe essere usata solo per i metodi che devono far parte dell’interfaccia. Il linguaggio C++ dà anche la possibilità di elencare in una classe quali altri metodi o classi abbiano un accesso privilegiato (friend). La direttiva friend è trasversale e selettiva ma limitata agli usi che possono essere anticipati.

Precedente Vantaggi della programmazione orientata agli oggetti (OOP) Successivo Programmazione orientata agli oggetti: Che cos'è un oggetto

Lascia un commento

*