Smart working: Sostenibilità economica, sociale e ambientale

Smart working: Sostenibilità economica, sociale e ambientale

Un grande trend che influenza le realtà aziendali al giorno d’oggi, e più in generale il contesto socio-economico attuale, è il concetto di sostenibilità e di sviluppo sostenibile.
Per sviluppo sostenibile si intende un processo di cambiamento e consiste nella capacità di “soddisfare i bisogni delle generazioni attuali senza compromettere la possibilità che le generazioni future riescano a soddisfare i propri”.

Smart working: Sostenibilità economica, sociale e ambientale

Il concetto di sostenibilità può essere articolato in tre dimensioni costitutive: la sostenibilità economica, la sostenibilità sociale e la sostenibilità ambientale.

Il concetto di sostenibilità economica ci riporta all’idea di economicità, secondo cui le operazioni economiche devono essere svolte secondo efficacia efficienza, riduzione dei costi e produzione dei redditi.

Per sostenibilità ambientale si intende la riduzione o l’annullamento dell’impatto ambientale, la salvaguardia delle risorse naturali, il rispetto degli equilibri eco-biologici.

Il significato invece di sostenibilità sociale è invece molto più ampio; può comprendere il miglioramento delle condizioni di vita di una popolazione, ma anche la valorizzazione e il rispetto delle tradizioni locali e della pluralità culturale. A livello aziendale può riferirsi anche al concetto di wellfare e quindi di benessere per i dipendenti e più in generale per gli stakeholder dell’azienda.

Questi tre elementi costitutivi della sostenibilità non sono da considerare disgiunti uno dall’altro, ma sono dei valori che si influenzano reciprocamente. Le relazioni tra questi valori però non sono da intendersi statiche, bensì dinamiche. Esse infatti cambiano nel tempo e non sempre il loro cambiamento è prevedibile. La sfida per le imprese e per le organizzazioni in generale è quindi quella di trovare un equilibrio tra questi tre valori, comprendere le relazioni esistenti e anticipare quelle future.
Nel contesto aziendale il concetto di sostenibilità si può associare a quello di “Corporate Social Responsability” che può essere definita come “l’integrazione su base volontaria da parte delle imprese delle preoccupazioni sociali ed ecologiche nelle loro operazioni commerciali e nei loro rapporti con le parti interessate”3. Le imprese possono quindi essere considerate socialmente responsabili non solo adempiendo agli obblighi di legge, ma andando anche oltre gli stessi, investendo in iniziative che portino ad un miglioramento delle relazioni con l’ambiente e con i propri stakeholder.

Una delle azioni che può intraprendere un’azienda per rendersi socialmente responsabile è quella di migliorare le il benessere e la qualità della vita di una delle categorie dei propri stakeholder, i dipendenti. È qui che il concetto di sostenibilità si collega alle soluzioni proposte dal modello dello Smart Working, in quanto esso può rappresentare un mezzo per migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, riequilibrando il rapporto tra i loro tempi di vita e i tempi di lavoro. Come vedremo più avanti lo Smart Working può dare infatti la possibilità alle persone di scegliere il luogo in cui lavorare e stabilire, entro determinati limiti concordati con l’azienda, il proprio orario di lavoro. Ciò porta sicuramente ad una migliore gestione dei tempi dedicati alla famiglia, al tempo libero e più in generale alle proprie esigenze personali.

Precedente Smart Working: Migliore work-life balance per i dipendenti aziendali Successivo Che cos'è e a cosa serve l'Analisi funzionale di un progetto

Lascia un commento