Tecniche per automatizzare casi di test: Approccio cattura/riesecuzione

Tecniche per automatizzare casi di test: Approccio cattura/riesecuzione

I casi di test devono essere tradotti in sequenze di azioni che sono eseguite sul SUT (System Under Test). Tali sequenze di azioni possono essere documentate in una procedura di test e possono essere implementate in script di test. Oltre alle azioni, i casi di test automatizzati devono anche definire i dati di test per l’interazione con il SUT e includono i passi di verifica per verificare che il risultato atteso sia stato ottenuto dal SUT.

Approcci consolidati per automatizzare i casi di test comprendono:

  1. Approccio cattura/riesecuzione;
  2. Approccio con scripting lineare e strutturato, approccio data-driven e approccio keyword-driven;
  3. Approccio process-driven e testing model-based.

Tecniche per automatizzare casi di test: Approccio cattura/riesecuzione

Approccio cattura/riesecuzione

Nell’approccio cattura/riesecuzione, si usano degli strumenti per catturare le interazioni con il SUT mentre si eseguono le sequenze di azioni come definite da una procedura di test. Gli input sono catturati mentre gli output possono anche essere registrati per verifiche successive. Durante la ripetizione degli eventi, ci sono varie possibilità manuali o automatiche di verifica degli output:

  • Manuale: il tester deve controllare gli output del SUT per trovare eventuali anomalie
  • Completo: tutti gli output del sistema che sono stati registrati durante la fase di cattura devono essere riprodotti dal SUT
  • Esatto: tutti gli output del sistema che sono stati registrati durante la fase di cattura devono essere riprodotti dal SUT allo stesso livello di dettaglio di quanto è stato registrato
  • Checkpoint: solo alcuni degli output sono verificati in certi punti per specifici valori

Il vantaggio principale dell’approccio cattura/riesecuzione è quello che può essere usato per SUT a livello di GUI e API, ed inizialmente è facile da avviare ed usare.

Al contrario, gli script creati con l’approccio cattura/riesecuzione sono difficili da manutenere e da evolvere perché l’esecuzione registrata dipende fortemente dalla versione del SUT su cui è stata effettuata la registrazione. Per esempio, quando si registra al livello di GUI, i cambiamenti al layout della GUI possono impattare gli script di test, anche se si tratta solo di un cambiamento nella posizione di un elemento della GUI. Perciò l’approccio cattura/riesecuzione rimane vulnerabile ai cambiamenti.
L’implementazione dei casi di test (script) può iniziare solo quando il SUT è disponibile, quindi dopo la fase di sviluppo dello stesso.

Pubblicato da Vito Lavecchia

Lavecchia Vito Ingegnere Informatico (Politecnico di Bari) Email: [email protected] Sito Web: www.vitolavecchia.altervista.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *