Differenza tra Perito informatico, Sviluppatore web, Programmatore informatico e Tecnico hardware

Differenza tra Perito informatico, Sviluppatore web, Programmatore informatico e Tecnico hardware

Differenza tra Perito informatico, Sviluppatore web, Programmatore informatico e Tecnico hardware

Perito Tecnico informatico

Il perito tecnico informatico (o anche semplicemente perito informatico) è una figura professionale addetta a mansioni molto varie, dal supporto tecnico al personale fino alla gestione del sistema informativo. Oltre a un buon livello culturale, alla padronanza dell’inglese, alla propensione all’aggiornamento e a buone capacità relazionali, egli deve:

  • conoscere bene i principali strumenti informatici, di automazione dei sistemi d’ufficio e di gestione dei database;
  • saper progettare, organizzare e gestire piccole reti locali e semplici siti internet;
  • avere capacità di analisi dei processi aziendali al fine di informatizzarli nel modo più efficace.

Formazione perito tecnico informatico: diploma di perito in informatica presso ITI.

Sviluppatore web

Lo sviluppatore web è la figura professionale che si occupa della progettazione e realizzazione di siti web, curandone il collaudo, la messa a punto e la manutenzione. Oltre a un buon livello culturale, alla padronanza dell’inglese, alla propensione all’aggiornamento e a buone capacità relazionali, egli deve:

  • conoscere bene i principali strumenti informatici e i software di automazione d’ufficio (office automation);
  • saper implementare software applicativi, progettare con metodologie object oriented, usare i più diffusi linguaggi di programmazione;
  • avere buone competenze di gestione dei database aziendali e dei sistemi di sicurezza nel web.

Formazione sviluppatore web: diploma di perito in informatica presso ITI.

Programmatore informatico

Il programmatore informatico è una figura professionale che utilizzando i linguaggi di programmazione, questo tecnico sviluppa applicazioni software, curandone anche il collaudo e la messa a punto. Oltre a un buon livello culturale, alla padronanza dell’inglese, alla propensione all’aggior namento, egli deve:

  • conoscere bene i principali linguaggi di programmazione,
    individuando quelli più adatti alle specifiche progettuali fornite;
  • saper collaudare e mettere a punto il software;
  • collaborare con i progettisti alla stesura della documentazione relativa al software.

Formazione programmatore informatico: diploma di perito in informatica presso ITI.

Tecnico installatore e manutentore hardware

Il tecnico installatore e manutentore hardware (o anche semplicemente tecnico dell’hardware) è un tecnico professionale addetto a tutti gli aspetti dell’assistenza tecnica per le apparecchiature informatiche (installazione, configurazione e manutenzione). Svolge questo ruolo come dipendente interno all’azienda di cui cura le attrezzature informatiche, oppure come dipendente di una ditta di assistenza e manutenzione che opera presso clienti esterni.

Formazione tecnico installatore e manutentore hardware: qualifica di installatore e manutentore elettronico in ambito informatico dopo un corso triennale di formazione professionale.

Pubblicato da Vito Lavecchia

Lavecchia Vito Ingegnere Informatico (Politecnico di Bari) Email: [email protected] Sito Web: www.vitolavecchia.altervista.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *