Informatica: Che cos’è un Database con esempi pratici

Informatica: Che cos’è un Database con esempi pratici

I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Essi sono strutturati in modo tale da consentire la gestione dei dati stessi in termini di inserimento, aggiornamento, ricerca e cancellazione delle informazioni.

Più nel dettaglio, un database è fondamentalmente una collezione di registrazioni (records) che concernono qualche sorta di azione od oggetto (formalmente, un database è qualsiasi collezione di “fatti” organizzati in modo sistematico).

Informatica - Che cos'è un Database con esempi pratici

Lo scopo di un database è quello di raccogliere un certo insieme di dati per metterlo poi a disposizione di chi ne faccia richiesta, a prescindere se questo sia un semplice utente o un altro computer. In parole povere, dato che ormai le informazioni in formato elettronico sono sempre più numerose, un database serve sia per raccogliere queste informazioni che per metterle a disposizione degli altri.

Affinché sia possibile inserire, aggiornare, cancellare, o soltanto cercare dei dati in un database, le informazioni in esso contenute vengono strutturate e collegate tra di loro secondo un particolare modello logico, tipo quello relazionale, gerarchico, reticolare o a oggetti, scelto dal progettista del database. Per dare la possibilità di creare, manipolare e consultare un database si utilizzano invece degli appropriati linguaggi di interrogazione, attraverso dei particolari programmi detti comunemente DBMS (Database Management System)  che appunto è il software per la creazione e la manipolazione di un database.

Esempi pratici

  1. Le schede del catalogo di una biblioteca. Ogni scheda, fisica o virtuale, contiene fatti (autore, titolo, ISBN, etc.) che sono organizzati (alfabeticamente per titolo o autore, numericamente per ISBN) al fine di rendere la loro ricerca più semplice rispetto ad una scansione di tutti i libri della biblioteca.
  2. Anagrafe degli studenti di un comune (nome, cognome, data di nascita, ecc) con relativi curriculum aggiornati.
Precedente Differenza tra la modalità online e offline in informatica Successivo Che cosa significa default in informatica

Lascia un commento

*