Definizione, caratteristiche e vantaggi del Digital Marketing

Definizione, caratteristiche e vantaggi del Digital Marketing

Prima di parlare di Digital Marketing, è necessario introdurre e dare una definizione del marketing in generale. Come definito da Kotler agli inizi degli anni 2000, “il marketing è la funzione aziendale che guida l’organizzazione nella gestione di una relazione di valore con il cliente. Il suo obiettivo consiste nell’attirare nuovi clienti con l’ offerta di un valore maggiore rispetto ai concorrenti e, al contempo, nel mantenerli mediante la capacità di soddisfarne efficacemente le attese di valore, a partire dai loro bisogni”.
Attraverso la definizione dunque è chiaro che la base di partenza è la soddisfazione dei clienti, ma la prospettiva si amplia, mirando al mantenimento e allo sviluppo della base clienti.

Indubbiamente lo sviluppo e l’evoluzione della rete Internet, in tutti le sue sfaccettature, hanno modificato il comportamento delle persone. A partire dal tempo di utilizzo del computer fino ad arrivare alla moltitudine di strumenti che permettono di essere sempre connessi, risulta estremamente facile per le imprese farsi notare e attirare l’attenzione delle persone. Di contro, però, la comunicazione risulta complessa: innanzitutto è necessario identificare e scegliere tra le tante piattaforme multimediali adatte e capaci di trasmettere ciò che l’azienda vuole, ma poi risulta d’obbligo diversificarsi rispetto alla concorrenza.

Definizione, caratteristiche e vantaggi del Digital Marketing

Questa precisazione risulta utile per la definizione del marketing digitale. Nonostante sia un tema molto discusso dove blog aziendali, freelancer e “guru” esprimono le loro idee quotidianamente rispetto al tema, una definizione potrebbe essere la seguente, risalente al 2011: “Il Marketing Digitale è l’insieme di attività che, attraverso l’ausilio di mezzi tecnologici (strumenti digitali), sviluppano campagne di marketing e comunicazione integrate, targetizzate e capaci di generare risultati misurabili che aiutano l’organizzazione ad individuare e mappare costantemente i bisogni di domanda, a facilitarne gli scambi in modo innovativo, costruendo con la stessa una relazione interattiva che genererà valore nel tempo.”

Non è difficile immaginare quanto sia elevata la percentuale di aziende che ancora oggi applicano il marketing tradizionale. Nonostante ciò risulterebbe sicuramente utile integrare tale strategia con quella online, consentendo dunque di affiancare ai tradizionali strumenti di marketing degli altri elementi che vengono ampiamente utilizzati dalle persone, che permettono di intercettarne i gusti e le richieste.
Lo studioso Kotler nell’anno 2003, a tal proposito, affermò che il marketing “non aiuta più le vendite ma la produzione nel creare, distribuire e consegnare quello che serve al cliente e che il cliente vuole. Il marketing non è più l’arte di trovare modi intelligenti per sbarazzarsi di quello che si produce, ma rappresenta l’arte di creare un autentico valore per il cliente”.

In conclusione dunque possiamo definire il Digital Marketing come l’elaborazione del marketing, ottenuta grazie all’utilizzo di tecnologie che consentono di comunicare digitalmente. È uno strumento intelligente e persuasivo, che permette di sviluppare pensieri nelle persone, anche se queste non se ne accorgono. La creazione e la successiva applicazione di una strategia di marketing digitale non consiste semplicemente nella creazione di un sito web o di un articolo sul proprio profilo LinkedIn; tali attività sono caratterizzate da una pianificazione avanzata con elevata considerazione degli obiettivi da raggiungere, così come dall’attenta analisi dei dati.

Pubblicato da Vito Lavecchia

Lavecchia Vito Ingegnere Informatico (Politecnico di Bari) Email: [email protected] Sito Web: www.vitolavecchia.altervista.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *