Che cos’è e quali sono le tipologie di Proxy in informatica

Che cos’è e quali sono le tipologie di Proxy in informatica

In informatica, un proxy è generalmente una macchina server che si interpone tra un server e un client. Il client dunque non si connette direttamente al server, ma al proxy. Sarà quest’ultimo a gestire la connessione tra i due inoltrando le richieste al server e le relative risposte al client.
Il motivo principale dell’utilizzo di un server proxy è quello di aumentare le prestazioni della rete. Ciò è possibile grazie alla funzionalità di cache fornita dal server. Vengono, infatti, mantenute informazioni che potrebbero essere utili a soddisfare richieste multiple alla stessa risorsa. Quando viene, ad esempio, richiesta una pagina web, il proxy controlla se questa è presente in locale. Nel caso non lo fosse, viene richiesta al server web in questione e successivamente fornita all’host che ne ha fatto richiesta. La pagina viene poi salvata e conservata sul disco rigido del server proxy. In questo modo, ad una successiva richiesta, essa può essere immediatamente fornita, previa verifica di aggiornamenti, senza doverne scaricare nuovamente il contenuto.

Che cos'è e quali sono le tipologie di Proxy in informatica
Che cos’è e quali sono le tipologie di Proxy in informatica

In aggiunta a quanto appena detto, un proxy consente di controllare ed eventualmente filtrare il traffico. Un amministratore, potrebbe voler bloccare le richieste a contenuti che ritiene dannosi per gli utenti e gli host che gestisce.
L’utilizzo di tali sistemi offre un notevole vantaggio in ambienti costituiti da un elevato numero di macchine interconnesse. E’ sicuramente il caso di una qualunque azienda di medie dimensioni. Una ipotetica rete aziendale è formata da un discreto numero di computer, i quali necessitano di connettività. Una rete poco performante potrebbe significare una perdita di produttività. Allo stesso modo, o probabilmente peggio, una rete non adeguatamente protetta e monitorata potrebbe scaturire in problemi di varia natura, sicurezza in primo luogo.
Tipologie

I server proxy possono essere distinti in base al lavoro che svolgono. Le necessità degli amministratori di rete possono essere di diversa natura. Essendo questi server degli strumenti particolarmente versatili, è possibile trovare dei proxy destinati a compiti differenti.

  1. Caching proxy server – Si tratta di una tipologia di proxy adibita alla funzione di cache. Viene largamente utilizzata dagli Internet Service Provider e da aziende di grandi dimensioni. Questo tipo di server conserva risorse richieste frequentemente in modo che possano essere immediatamente disponibili al momento di richieste successive. Fisicamente sono composti da macchine molto veloci, in particolare per quanto riguarda l’immagazzinamento dati. Non è raro infatti che vi vengano implementati sistemi RAID per l’aumento delle prestazioni delle operazioni sui dischi rigidi.
  2. Web Proxy – Si tratta di Caching proxy server concentrati sul caching delle pagine web. Il loro scopo è quello di rendere la navigazione web più veloce.
  3. Proxy per il filtraggio dei contenuti – Sono proxy che hanno lo scopo di bloccare le richieste a contenuti non consentiti. Tali contenuti possono avere diversa natura, ad esempio URL, file o semplici parole. Vengono largamente utilizzati, in particolare in ambienti in cui determinati contenuti potrebbero risultare offensivi, se non dannosi per gli utenti e per gli host della rete.
Precedente Che cosa sono e come funzionano i Web Services in informatica Successivo Quali sono i criteri per scegliere il CMS in informatica

Lascia un commento