Professione Informatica: La figura dell’Analista funzionale

Professione Informatica: La figura dell’Analista funzionale

Chi è l’Analista funzionale?

L’analista o più spesso analista funzionale è una figura che rappresenta la naturale evoluzione dell’analista programmatore. Questa figura professionale oltre ad avere le competenze richieste all’analista programmatore è in grado di effettuare l’analisi funzionale e tecnica in contesti ampi, nell’ambito di un sistema applicativo. Può scrivere specifiche funzionali e tecniche secondo standard definiti ed effettuare test completi ed integrati delle funzioni applicative di riferimento. È in grado di disegnare banche dati e d’impiegare le più affermate metodologie d’analisi proposte dalla dottrina informatica. Ha buone capacità relazionali ed è in grado di coordinare un gruppo di programmatori e analisti programmatori. È possibile che in questo ruolo s’identificano figure sia “junior” che “senior”.

Professione Informatica - La figura dell'Analista funzionale

In particolare, la figura dell’analista funzionale:

  • analizzare, progettare e/o reingegnerizzare i processi di business interni ed esterni (per esempio amministrativi, produttivi, logistici, gestionali, ecc..) valutando la fattibilità, i rischi e gli impatti su soluzioni IT esistenti oppure individuando nuove soluzioni;
  • condurre l’analisi dei requisiti funzionali necessaria allo sviluppo di nuove soluzioni IT e al miglioramento di quelle esistenti curandone la relativa documentazione;
  • verificare e garantire la correttezza funzionale dei processi e delle soluzioni IT aziendali;
  • curare la progettazione, documentazione e coordinamento dei collaudi funzionali delle soluzioni IT di supporto al business validando il processo end-to-end;
  • supportare il responsabile di riferimento nelle varie fasi del processo IT curando le attività di reporting dello stato di avanzamento.

Le capacità e le attitudini individuali la figura dell’Analista funzionale sono:

  • Ottime capacità di Problem Solving;
  • Spirito di collaborazione;
  • Ottima Capacità di adattamento;
  • Capacità di pianificazione e organizzazione;
  • Forte orientamento al risultato.

Pubblicato da Vito Lavecchia

Lavecchia Vito Ingegnere Informatico (Politecnico di Bari) Email: [email protected] Sito Web: www.vitolavecchia.altervista.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *