Project Management: Differenza tra diagramma di GANTT e PERT

Project Management: Differenza tra diagramma di GANTT e PERT

Project Management: Differenza tra diagramma di GANTT e PERT

Diagramma di GANTT

Il diagramma di GANTT è uno degli strumenti più importanti nel Project Management per la rappresentazione grafica del progetto. Si tratta di un diagramma a barre che mette in evidenza tutte le fasi del progetto attraverso segmenti temporali e permette di visualizzare l’intero progetto e di calcolarne il tempo complessivo di esecuzione. Il Gantt è uno strumento molto efficace che può essere utilizzato sia in fase di pianificazione che in fase di controllo del progetto. Per la creazione del grafico bisogna preparare una lista delle fasi e il tempo relativo al loro svolgimento; le varie fasi verranno collocate sull’asse verticale e il tempo viene rappresentato sull’asse orizzontale. A questo punto le attività vere a proprie saranno rappresentate attraverso le barre orizzontali e con una lunghezza relativa alla durata della attività stessa. Alcuni step paralleli possono essere configurati insieme allo stesso tempo, mentre per le attività che inizieranno dopo aver terminato l’attività precedente le barre saranno collocate l’una dopo l’altra. Ricapitolando il diagramma di Gantt consente di avere una visione totale del progetto e i tempi da percorrere, inoltre c’è la possibilità di segnalare i progressi durante l’esecuzione e in fase di controllo disegnando una linea di differente colore.

Diagramma di PERT

Il PERT (Program Evaluation And Review Technique) è un altro strumento del Project Management di analisi del reticolo di schedulazione che viene utilizzato in fase di pianificazione e revisione(Controllo). Tale tecnica è molto simile a CPM con alcune piccole differenze. Anche Il PERT come il CPM è un’struttura grafica composta da nodi che rappresentano l’attività e da archi che rappresentano la relazione con le altre attività. L’analisi del reticolo e la determinazione delle date di inizio e fine sono fatte esattamente come nel CPM cioè tramite il procedimento in avanti e il procedimento all’indietro.
Inoltre, la differenza fondamentale tra il PERT e il CPM sta nel fatto che, mentre il CPM viene applicato nei progetti dove i processi e i prodotti sono più conosciuti, il PERT viene utilizzato nei progetti più incerti e complessi. Per questa ragione il PERT detto anche Three Point Estimation (Stima a tre valori) prevede tre stime del tempo per ogni attività:

  1. Tempo ottimistico (To): il tempo più breve stimato per completare ogni attività;
  2. Il tempo modale (Tm): il tempo più probabile stimato per completare ogni attività;
  3. Il tempo pessimistico (Tp): il tempo con la durata più lunga stimata per completare ogni attività.

Tale stime vengono fatte dagli esperti e i responsabili delle attività.

Pubblicato da Vito Lavecchia

Lavecchia Vito Ingegnere Informatico (Politecnico di Bari) Email: [email protected] Sito Web: www.vitolavecchia.altervista.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *